GIO, 26 NOVEMBRE 2020

RIFIUTI, LAVORATORI SENZA STIPENDIO DA 4 MESI: MA NON CI SARA’ SCIOPERO

Puntuale, come ogni estate, esplode la questione rifiuti ad Agrigento, tra stipendi non pagati e, legittime, minacce di sciopero da parte dei lavoratori del comparto. Da diversi, i lavoratori delle ditte contrattualizzate con GESA non percepiscono un solo euro. Secondo i sindacati sarebbero addirittura quattro le mensilità arretrate. Una situazione incandescente ma che, almeno per il momento, non dovrebbe originare alcuno sciopero.  Sulla questione si registra l’intervento dei sindacalisti della (scorri per leggere il resto)
RIFIUTI, LAVORATORI SENZA STIPENDIO DA 4 MESI: MA NON CI SARA’ SCIOPERO

munnizza1Puntuale, come ogni estate, esplode la questione rifiuti ad Agrigento, tra stipendi non pagati e, legittime, minacce di sciopero da parte dei lavoratori del comparto. Da diversi, i lavoratori delle ditte contrattualizzate con GESA non percepiscono un solo euro. Secondo i sindacati sarebbero addirittura quattro le mensilità arretrate. Una situazione incandescente ma che, almeno per il momento, non dovrebbe originare alcuno sciopero. 

Sulla questione si registra l’intervento dei sindacalisti della FIT CISL, Mario Stagno e Nino Stella. “Tutti gli appelli lanciati ad oggi dal sindacato – dicono – sono, puntualmente, caduti nel vuoto. Per i lavoratori che si occupano della raccolta e dello smaltimento in discarica dei rifiuti per conto di GESA si profila una estate difficile, per non dire insostenibile. Sono infatti quattro le mensilità maturate e non ancora erogate”.

 

“Abbiamo notizia – spiegano i sindacalisti – dell’ennesima missione palermitana del commissario liquidatore di GESA, Teresa Restivo, nel tentativo di reperire le somme necessarie per il pagamento degli stipendi arretrati. Più che a Palermo, la Restivo dovrebbe operare sul territorio, dove i sindaci, dopo le promesse fatte in campagna elettorale, sembrano essersi totalmente dimenticati della questione rifiuti, abbandonando al proprio destino centinaia di famiglie”.

“Non possiamo fare altro che denunciare, per l’ennesima volta, le condizioni di difficoltà in cui sono costretti a vivere i lavoratori del comparto, appellandoci al senso di responsabilità dei sindaci che aderiscono a GESA, confidando in una celere soluzione della problematica”, hanno concluso Stella e Stagno.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.