GIO, 02 APRILE 2020

Maltempo ad Agrigento: disagi in città ed in provincia – AGGIORNAMENTO

Dal primo pomeriggio, la città di Agrigento è alle prese con un’insolita, per maggio, ondata di maltempo molto forte, che sta mettendo a dura prova il territorio. E’ iniziato tutto con il forte vento di scirocco, che ha portato sulla città anche uno strato di foschia molto denso, verosimilmente particelle di sabbia del Sahara presenti nell’aria; infine è arrivata una forte pioggia, che specialmente verso l’orario di cena si è (scorri per leggere il resto)
Maltempo ad Agrigento: disagi in città ed in provincia – AGGIORNAMENTO

008

Dal primo pomeriggio, la città di Agrigento è alle prese con un’insolita, per maggio, ondata di maltempo molto forte, che sta mettendo a dura prova il territorio.

E’ iniziato tutto con il forte vento di scirocco, che ha portato sulla città anche uno strato di foschia molto denso, verosimilmente particelle di sabbia del Sahara presenti nell’aria; infine è arrivata una forte pioggia, che specialmente verso l’orario di cena si è abbattuta violentemente su tutto il territorio comunale e nell’hinterland.

Si parlava anche di un ciclone in arrivo dall’Algeria, dove ha fatto una vittima, ma in realtà tale tempesta è già giunta nel cuore del mar Tirreno ed ha bypassato per fortuna la Sicilia; così come, a proposito del vento di scirocco, si parlava in merito ad una nube di sabbia di importanti dimensioni che in nottata avrebbe lambito Agrigento, ma anche questa eventualità parrebbe essere stata smentita: “La tempesta di sabbia ha interessato Lampedusa – ha dichiarato un meteorologo contattato ai nostri microfoni – Agrigento è stata solo lambita e non presa in pieno, grazie alla rotazione dei venti provenienti da W – NW.”

Il problema al momento, per la città, è il forte vento, che non accenna a placarsi: sono arrivate già le prime richieste di aiuto al 115, i cui uomini sono intervenuti intorno alle 20 presso la Banca d’Italia per via della caduta di grossi rami dagli alberi e dopo cena in via Garibaldi, ma solo per una innocua caduta di calcinacci.

Al momento dunque, disagi contenuti, ma allerta massima per una città che dovrà “stringere i denti”  nelle prossime ore: “Dalle prime ore di oggi, mercoledi 22 maggio 2013, e per le successive 24-36 ore – recita infatti un comunicato della Protezione Civile – si prevedono: precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, in estensione nel corso della mattinata. I fenomeni daranno luogo a rovesci di forte intensita’, locali grandinate, frequente attivita’ elettrica e forti raffiche di vento. Venti forti o di burrasca dai quadranti occidentali, con raffiche fino a burrasca forte, con mareggiate lungo le coste esposte.”

Da segnalare inoltre, anche diverse strade parzialmente allagate nei quartieri a sud della città.

DANNI AL PORTICCIOLO – Come spesso capita in queste situazioni di maltempo, la zona di San Leone viene letteralmente flagellata da acqua e vento e presenta diverse problematiche, specie nella zona del porticciolo turistico. Proprio nel porticciolo, da registrare come un’imbarcazione, spinta dal mare in tempesta, sia finita sulla banchina del molo, dove tra le altre cose, si registrano alcuni danni strutturali nella pavimentazione e nelle ringhiere.

SANT’ANGELO MUXARO – Non pochi disagi anche nell’entroterra agrigentino, specialmente a Sant’Angelo Muxaro; qui, in via delle Pergole, un soffitto di 60 metri quadrati è stato sradicato dal forte vento che imperversa tutt’ora nella zona. Nessun ferito, per fortuna, ma tanta paura ed adesso sul posto stanno operando gli uomini del nucleo SAF dei Vigli del Fuoco.

Roberta Barone

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.