GIO, 09 APRILE 2020

Zambuto firma il divieto di balneazione, Mareamico: “Bene così”

E’ di poche ore fa la notizia secondo la quale il Sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, ha firmato il divieto di balneazione per il tratto di litorale sanleonino nella quale si sta svolgendo l’inchiesta sul malfunzionamento dei pennelli a mare; a tal proposito, da registrare l’intervento favorevole dell’associazione ambientalista MareAmico Agrigento. “L’associazione ambientalista Mareamico accoglie con soddisfazione l’opportuna scelta del sindaco di Agrigento Zambuto – si legge in una nota (scorri per leggere il resto)
Zambuto firma il divieto di balneazione, Mareamico: “Bene così”

la_fogna_arriva_in_mare

E’ di poche ore fa la notizia secondo la quale il Sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, ha firmato il divieto di balneazione per il tratto di litorale sanleonino nella quale si sta svolgendo l’inchiesta sul malfunzionamento dei pennelli a mare; a tal proposito, da registrare l’intervento favorevole dell’associazione ambientalista MareAmico Agrigento.

“L’associazione ambientalista Mareamico accoglie con soddisfazione l’opportuna scelta del sindaco di Agrigento Zambuto – si legge in una nota – di imporre i divieti di balneazione in ampi tratti del mare di san leone. Già la scorsa settimana, durante le nostre interviste e i comunicati susseguenti il sequestro delle strutture, auspicavamo tale responsabile soluzione da parte del sindaco che, giova ricordarlo, è la massima autorità per la salute pubblica.
E diciamo di più, stante l’attuale situazione di sversamento costante di liquami non depurati in mare, tale inibizione alla balneazione dovrebbe avere il carattere permanente e non temporaneo, poichè rappresenta un costante rischio per la salute pubblica; anche perchè abbiamo notizie certe e documentazione che ancora oggi persiste una perdita della condotta fognaria a pochi metri dalla costa (nonostante le affermazioni di Girgenti Acque).”

“Auspichiamo – conclude la nota stampa – che i prossimi 10 mesi imposti dalla Magistratura per la risoluzione definitiva del problema, vengano utilizzati per la costruzione di una nuova condotta fognante di calibro adeguato, che riesca a portare TUTTE le fogne di san leone al depuratore di Sant’Anna, nelle more della costruzione del grosso depuratore comprensoriale (il progetto andrebbe modificato prima della conferenza dei servizi del 21 agosto).
Finalmente, dopo questa attività posta in essere dalla Procura di Agrigento, tutti hanno capito che è illegale, incivile ed anche immorale gettare in mare le fogne non depurate poichè danneggiano irrimediabilmente il nostro mare e possono essere di nocumento per la salute pubblica e ribadiamo il nostro slogan: MAI PIU’ NEANCHE UN LITRO DI FOGNA NON DEPURATA NEL MARE DI SAN LEONE!!!!”

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.