MAR, 02 MARZO 2021

Serie D, l’Akragas si aggiudica il derby

Già solo il fatto che ha potuto essere disputato, è stato un motivo di interesse tra gli sportivi di tutta la provincia di Agrigento; il “classico” agrigentino infatti, mancava in serie D da tanti anni e con la conferma della partecipazione da parte del Licata, non scontata vista l’assenza nell’ultima trasferta in quel di Gioia Tauro, la prevendita è andata molto bene ed il pubblico oggi all’Esseneto ha risposto alla (scorri per leggere il resto)
Serie D, l’Akragas si aggiudica il derby

DSC_8881

Già solo il fatto che ha potuto essere disputato, è stato un motivo di interesse tra gli sportivi di tutta la provincia di Agrigento; il “classico” agrigentino infatti, mancava in serie D da tanti anni e con la conferma della partecipazione da parte del Licata, non scontata vista l’assenza nell’ultima trasferta in quel di Gioia Tauro, la prevendita è andata molto bene ed il pubblico oggi all’Esseneto ha risposto alla grande.
Non c’erano, per il diniego da parte della Prefettura, i tifosi licatesi, ma il clima era comunque delle grandi occasioni nel tempio calcistico agrigentino, così come le coreografie decisamente di categorie superiori.

PRIMO TEMPO – Al pronti via, sembra che il derby questa volta prenda la via dei pronostici della vigilia; primo assalto dell’Akragas dopo 30 secondi, primo corner conquistato e, alla prima vera azione pericolosa, sugli sviluppi del calcio d’angolo, svetta capitan Pellegrino che insacca e rompe subito l’equilibrio.
Pubblico in delirio, per una rete che vale oro e che lancia per qualche minuto i padroni di casa nella suggestiva ipotesi di essere a meno uno dal Savoia, impegnato contro la Vibonese. Ma l’aver trovato da subito la via del gol, rilassa forse gli uomini di Rigoli, i quali non intraprendono quel forcing a cui il pubblico di casa è abituato per chiudere subito i conti.
Sia ben chiaro: Valenti nel corso della prima frazione di gioco, non ha dovuto compiere grandi parate ed i rischi corsi dall’Akragas sono stati minimi, però dall’altro lato i tiri in porta si contano sulle dita di una mano.
Bisogna aspettare il 24’ minuto per vedere una palla gol nitida per i biancazzurri, con Arena che manda a lato un rigore in movimento, non riuscendo a finalizzare una gran bella azione corale dei padroni di casa. Il primo ed unico tiro in porta dei gialloblu, avviene invece al 43’ con Dalì, ma è impresa facile per Valenti bloccare.

SECONDO TEMPO – Passata la pausa tra la speranza di vedere chiuso da subito il derby e l’auspicio che l’ex Marasco faccia un gran regalo all’Akragas, mettendo a segno una rete con la sua Vibonese contro il Savoia, la seconda frazione di gioco inizia con i biancazzurri in avanti: al 48’ Bonaffini vola sulla sua fascia, entra in area e mette al centro un pallone su cui però nessuno riesce a trovare il tempo per ribadire in rete.
Segue un momento abbastanza lento dell’azione di gioco, ma dal 65’ in poi i biancazzurri premono sull’acceleratore per cercare il raddoppio e mettere in cassaforte il derby. Prima su punizione con Chiavaro, poi con Arena, poi ancora al 68’ con il palo di Saraniti ed infine con una gran palla gol di Pellegrino, l’Akragas prova in tutti i modi la via del gol.
Il non concretizzarsi del raddoppio, getta un po’ di apprensione tra il pubblico, che vede lo spettro di un derby in cui si era favoriti e si rischia di perdere due punti preziosi nella ricorsa al primo posto; spettro che sembra concretizzarsi all’82’ minuto, quando Lauria calcia un diagonale che rasenta il palo, con il pubblico dell’Esseneto quasi a soffiare sul pallone affinché uscisse fuori. Un brivido che però rimarrà l’unico: l’Akragas alla fine vince, il Licata dimostra di essere ancora vivo e ad Agrigento dunque un derby tanto atteso non poteva finire meglio.

TABELLINO:
AKRAGAS: Valenti; De Rossi, Parisi, Aprile (80’ Giuffrida), Vindigni, Chiavaro, Bonaffini (77’Costa), Pellegrino, Saraniti (88’ Savanarola), Arena, Assenzio. All.: Rigoli.
LICATA: Taranto; Di Giovanni, Veronese, Trofo, Cassaro, Perricone, Calise (77’ Falletta), Pensabene (71’ Faraci), Dalì, Vicari, Lauria. All.: Licata.
ARBITRO: Sig. Fichera di Catania

Mauro Indelicato

Le foto sono di Salvatore Pisciotto

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.