GIO, 09 APRILE 2020

Lotta alla corruzione, protocollo tra Consorzio gestione beni confiscati e associazione “A testa alta”

Quanto sono strutturati i nostri Comuni a resistere alla corruzione e ai rischi d’inquinamento mafioso? A questa domanda risponderà il “Rapporto sullo stato di attuazione delle disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nei Comuni della provincia di Agrigento”, che sarà realizzato con un progetto curato dall’associazione di promozione sociale “A testa alta”, presieduta da Antonio Catania, e dal “Consorzio Agrigentino per la Legalità e lo (scorri per leggere il resto)
Lotta alla corruzione, protocollo tra Consorzio gestione beni confiscati e associazione “A testa alta”

firmaprotocollobrandaraQuanto sono strutturati i nostri Comuni a resistere alla corruzione e ai rischi d’inquinamento mafioso?

A questa domanda risponderà il “Rapporto sullo stato di attuazione delle disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nei Comuni della provincia di Agrigento”, che sarà realizzato con un progetto curato dall’associazione di promozione sociale “A testa alta”, presieduta da Antonio Catania, e dal “Consorzio Agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo”, presieduta da Mariagrazia Brandara. I due enti nella giornata di ieri hanno firmato il protocollo d’intesa che consentirà, in breve tempo, di avviare la fase di monitoraggio all’interno dei municipi del nostro territorio.

Questa sarà realizzata con diversi strumenti, come questionari, schede, esame dei siti web delle amministrazioni, interviste, ecc., registrando tutta una serie di parametri che possano indicare, appunto, se tutti i comuni hanno adempiuto alle prescrizioni di legge e siano, almeno formalmente, inattaccabili dalla corruzione. Tra gli aspetti al centro dell’analisi vi sarà la presenza o meno del responsabile della prevenzione della corruzione e dall’adozione del piano triennale di prevenzione della corruzione, la selezione e formazione di dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione e il monitoraggio del rispetto dei termini, previsti dalla legge o dai regolamenti, per la conclusione dei procedimenti o i rapporti tra l’amministrazione e i soggetti che con la stessa stipulano contratti o che sono interessati a procedimenti di autorizzazione, concessione o erogazione di vantaggi economici di qualunque genere.

“Con questa convenzione gratuita – spiega il presidente Mariagrazia Brandara – grazie alla collaborazione dell’associazione ‘A testa alta’ doneremo alla provincia una ‘mappa del rischio’. Così come ne esistono per indicare le zone particolarmente esposte al pericolo di terremoti, frane o inondazioni, allo stesso modo ne esisterà una per rischio corruzione. La lotta a questi fenomeni – prosegue Brandara – è la sfida che ogni amministratore deve vincere, non solo garantendo la trasparenza del proprio operato e applicando quanto previsto dalle leggi, ma soprattutto eliminando quelle sacche ‘grigie’ che spesso vengono partorite dalla burocrazia nell’accezione più degenerata del termine. Un Comune che dà risposte ai cittadini, infatti, è spesso un Comune senza corruzione”.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.