LUN, 16 MAGGIO 2022

Blitz ‘Criminal Drinks’: indagine nazionale partita da Agrigento

Un'inchiesta partita da Favara ha fatto scattare 16 arresti in tutta Italia: due gli agrigentini in manette (scorri per leggere il resto)
Blitz ‘Criminal Drinks’: indagine nazionale partita da Agrigento

Di Natale - Fonzo

In tutta Italia sono 16 le persone poste in stato di fermo, due in provincia di Agrigento; il tutto è partito proprio dal nostro territorio, in particolare da Favara: si può riassumere così l’operazione ‘Criminal Drinks’, che ha visto la Procura di Agrigento in prima linea contro una maxi evasione che ha coinvolto diversi soggetti in ambito nazionale.

Tutto è partito dall’affitto di un magazzino a Favara per depositare alcolici, ma le quantità ufficialmente registrate erano superiori alla capienza del locale; un’anomalia che non è sfuggita agli inquirenti, i quali hanno accertato che per l’appunto quelle quantità registrate erano una copertura: un cittadino belga, che ha richiesto l’affitto del locale, non ha fatto pervenire alcun prodotto alcolico. Grazie a questa scoperta, si è potuti giungere all’indagine nazionale che ha svelato una maxi frode di diverse migliaia di Euro.

Proprietario del locale è l’architetto Antonio Crapanzano, di Favara, uno dei due agrigentini fermati; l’altro agrigentino è Thomas Magrì, informatico di Campobello di Licata.

Dalla Toscana alla Sicilia, dalla Liguria al Piemonte, diverse le località coinvolte nel blitz operato dalla Guardia di Finanza; i 16 fermati facevano parte tutti a vario titolo di una banda che faceva provenire alcolici da Francia e Gran Bretagna, rivendendo i prodotti nel mercato nero: la quantità di alcolici veniva fatta ‘viaggiare’ fittiziamente per sfuggire ai controlli, da qui l’enorme quantità di incassi non registrati con un’evasione adesso scoperta dai finanzieri.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.