‘Cu perdi Vinci’, lo spettacolo di Aristotele Cuffaro sabato a Castrofilippo

Scritto venerdì 28 luglio 2017 18:19 da Commenta!

Aristotele Cuffaro torna con gli spettacoli teatrali in giro per la provincia di Agrigento e la Sicilia

Aristotele Cuffaro

Dopo il successo della prima rappresentazione  brillante della commedia degli equivoci “Cu perdi Vinci”, scritta, diretta ed interpretata da Aristotele Cuffaro, domani sabato 29, la Compagnia Teatrale “Nino Martoglio” torna a riproporla a Castrofilippo per continuare in una tournée estiva in diversi paesi della Sicilia  tra i quali  Giardina Gallotti, Realmonte, Racalmuto, Raffadali, Casteltermini, Ravanusa, Comitini e Grotte. Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.30.

Protagonista dello spettacolo è lo stesso autore, Aristotele Cuffaro, nei panni di Cesaro (il cuoco); con lui sul palco gli attori: Isabella Villani (Benita, sua moglie); Flavia Iannello (Lola, sua figlia); Claudia Agnello (Madame Butterfly, la cantante lirica). Fonico e datore luci: Simona Zaffuto. Scenografia: Walter Maria Lombardo e Antonio Petralito. Questa la trama della commedia: Cesaro emigra dalla Sicilia e va nel Lazio, a Latina, per aprire una trattoria e facilitare il successo della figlia, dotata di una bellissima voce e che vorrebbe fare la cantate. La moglie di Cesaro è una forte donna con il sogno nel cassetto di fare la Podestà, sottomettendo il marito per le sue condizioni fisiche fragili. I coniugi, nel tentativo di tradirsi vicendevolmente, dopo avere letto un articolo su un giornale si ritrovano, mascherati inconsapevoli l’uno dell’altra, nella trattoria. La figlia, dopo tante peripezie e con l’aiuto della vicina di casa cantante lirica, riesce a studiare, perfezionarsi ed essere ingaggiata dal manager della stessa cantante.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>