LUN, 16 OTTOBRE 2017

EuroWings vuole investire su Birgi: ‘maratona social’ per salvare l’aeroporto di Trapani

La compagnia low cost tedesca ha lanciato un sondaggio per lanciare nuove rotte dal 2018 in Europa: tra di esse, spunta anche Trapani ed in tutta la Sicilia si spinge per far votare a favore di Birgi Novo e salvare quindi lo scalo dopo i tagli di Ryanair (scorri per leggere il resto)
EuroWings vuole investire su Birgi: ‘maratona social’ per salvare l’aeroporto di Trapani

E’ una vera e propria ‘maratona’ quella messa in atto da molti portali, siti o semplici cittadini siciliani volta a salvare l’aeroporto di Trapani – Birgi Novo; lo scalo più siciliano è diventato, grazie ad una progressiva crescita durante gli anni 2000, un hub della compagnia low cost irlandese ‘Ryanair’ che, proprio dalla struttura trapanese, ha iniziato a programmare numerosi voli da e per le grandi città italiane ed internazionali.

Ma la crisi che sta investendo l’azienda fa temere per le sorti del ‘Vincenzo Florio’, nome dato allo scalo alcuni anni fa; una finestra però è sembrata aprirsi grazie ad un concorso online fissato dalla compagnia tedesco ‘EuroWings’, anch’essa low cost ma collegata alla Lufthansa.

Sul sito dell’azienda infatti è stata posta una domanda ai propri utenti e che riguarda la scelta di una possibile nuova destinazione da inserire tra le rotte coperte dalla EuroWings; tra le opzioni, spunta proprio anche quella di Trapani – Birgi Novo.

Si è così attivato un passaparola in tutta la Sicilia per far vincere lo scalo trapanese: infatti, chi si classificherà tra i primi tre sul sito, accederà ad una votazione che si svolgerà sulla pagina Facebook e l’aeroporto con più preferenze sarà scelto come nuovo approdo. Un’unione che in questo momento sembra fare davvero la forza: Trapani Birgi è infatti nettamente in testa in queste votazioni online ed è accreditata di una percentuale superiore rispetto alle altre rivali, quali Mostar (in Bosnia) e Castellon (in Spagna).

Evitare il ridimensionamento o, peggio ancora, la totale chiusura del Vincenzo Florio è importante per tutta la Sicilia occidentale: non solo il trapanese, ma anche l’agrigentino risente positivamente dei flussi di traffico provenienti da Birgi Novo, essendo lo scalo a circa un’ora dalle spiagge di Sciacca, dalle campagne del Belice ed a due ore dalla nostra Valle dei Templi. Inoltre, l’aeroporto di Trapani dà lavoro a centinaia di persone che rischierebbero di rimanere senza prospettive.

Ecco dunque perchè è importante supportare in questa battaglia lo scalo di Birgi Novo; per gli aeroporti siciliani i numeri sono più che positivi: Palermo e Catania hanno guadagnato diverse percentuali di traffico, un incremento che ha dato puro ossigeno al turismo e dunque mantenere operativo anche Trapani significa dare maggiori opportunità tanto ai settori occidentali dell’isola quanto ai potenziali passeggeri.

C’è tempo per votare ancora per alcuni giorni: sulle pagine social e sul sito di EuroWings è possibile inserire la propria preferenza e, in tal modo, spingere lo scalo di Birgi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.