GIO, 14 DICEMBRE 2017

Incidente diga Furore: sono due gli indagati

Due gli indagati da parte della Procura: indagini in corso, si punta ad accertare la responsabilità di quanto accaduto e capire come mai il mezzo usato per il proprio lavoro da parte dei due operai non ha garantito la sicurezza (scorri per leggere il resto)
Incidente diga Furore: sono due gli indagati

Fonte foto: Grandangolo.it

Subito dopo l’incidente sul lavoro che ha causato la morte di due operai, Francesco Gallo 61 anni di Naro e Gaetano Cammilleri 55 anni di Favara, il PM Salvatore Vella ha aperto un’inchiesta per accertare cause e dinamiche della tragedia e risalire alle responsabilità.

Secondo quanto riferito dal sito Grandangolo.it, sono due gli iscritti nel registro degli indagati: si tratta di Gaetano Valastro, 52 anni di Catania, e Francesco Mangione 53 anni di Raffadali; il primo è dirigente del Dipartimento acqua e rifiuti dell’assessorato regionale dell’Energia, mentre il secondo è il datore di lavoro dei due operai deceduti nell’incidente essendo titolare della ditta che si occupa della manutenzione degli impianti della Diga Furore.

Per quanto riguarda la dinamica, la lente di ingrandimento è puntata sul montacarichi ritenuto non idoneo a trasportare i due ad un’altezza di venti metri sopra la cisterna dove poi è avvenuto il terribile episodio di cronaca; le indagini però sono soltanto all’inizio: l’area dell’impianto è stata sequestrata al fine di svolgere le dovute e necessarie perizie per risalire alle responsabilità dell’accaduto.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è parte di un portale di più ampio respiro con ambito di interesse geografico limitato alla provincia di Agrigento. In un settore in fortissima evoluzione, una redazione ricca di collaboratori di grande esperienza ed obiettivi di informazione territoriale rapida e profonda, guideranno un percorso di crescita appena iniziato ma forte di grandi motivazioni, entusiasmo, responsabilità e vocazione all'innovazione ed alla trasparenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.