MAR, 19 GIUGNO 2018

Blitz nelle campagne di Ribera: in manette presunto ‘caporale’

L'operazione è stata condotta dai Carabinieri: agli arresti domiciliari un operaio della forestale che, secondo l'accusa, sfruttava il lavoro di dieci persone nelle proprie campagne (scorri per leggere il resto)
Blitz nelle campagne di Ribera: in manette presunto ‘caporale’

Ancora un’altra triste storia fatta di sfruttamento del lavoro a nero e di ‘caporalato’; questa volta il tutto proviene dalla nostra provincia e, precisamente, da Ribera: è nella città delle arance che trenta Carabinieri hanno fatto irruzione in alcune campagne di contrada Castellana riscontrando come, a lavorare nella raccolta soprattutto di arance, erano in tutto dieci operai sottopagati e senza alcun contratto.

A finire in manette è stato un operaio della Forestale di 58 anni, presunto caporale; per lui sono scattati gli arresti domiciliari, oltre a sanzioni amministrative per un ammontare pari a 40.000 Euro.

Le indagini e le operazioni sono state compiute dai Carabinieri della Compagnia di Sciacca e della Tenenza di Ribera; il fenomeno dello sfruttamento del lavoro di gente in stato di bisogno, in Sicilia come in altre parti d’Italia appare sempre più preoccupante: dopo le operazioni dei mesi scorsi condotte nel ragusano, adesso è toccato anche alla nostra provincia.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è parte di un portale di più ampio respiro con ambito di interesse geografico limitato alla provincia di Agrigento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.