MAR, 16 OTTOBRE 2018

Blitz nelle campagne di Ribera: in manette presunto ‘caporale’

L'operazione è stata condotta dai Carabinieri: agli arresti domiciliari un operaio della forestale che, secondo l'accusa, sfruttava il lavoro di dieci persone nelle proprie campagne (scorri per leggere il resto)
Blitz nelle campagne di Ribera: in manette presunto ‘caporale’

Ancora un’altra triste storia fatta di sfruttamento del lavoro a nero e di ‘caporalato’; questa volta il tutto proviene dalla nostra provincia e, precisamente, da Ribera: è nella città delle arance che trenta Carabinieri hanno fatto irruzione in alcune campagne di contrada Castellana riscontrando come, a lavorare nella raccolta soprattutto di arance, erano in tutto dieci operai sottopagati e senza alcun contratto.

A finire in manette è stato un operaio della Forestale di 58 anni, presunto caporale; per lui sono scattati gli arresti domiciliari, oltre a sanzioni amministrative per un ammontare pari a 40.000 Euro.

Le indagini e le operazioni sono state compiute dai Carabinieri della Compagnia di Sciacca e della Tenenza di Ribera; il fenomeno dello sfruttamento del lavoro di gente in stato di bisogno, in Sicilia come in altre parti d’Italia appare sempre più preoccupante: dopo le operazioni dei mesi scorsi condotte nel ragusano, adesso è toccato anche alla nostra provincia.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.