VEN, 20 APRILE 2018

La differenziata e l’incognita dei cestini

Siamo quasi sicuri che quanto stiamo per dire è superfluo, ma nel dubbio preferiamo comunque porci il problema. Ormai, dopo tanti anni di poco concrete chiacchiere, la raccolta differenziata dei rifiuti è una realtà anche nella città dei templi, quantomeno per il momento per circa la metà degli abitanti (le utenze domestiche del centro città saranno servite a fine gennaio, pare). Chi ha avuto l’onere e in seconda battuta l’onore (scorri per leggere il resto)
La differenziata e l’incognita dei cestini

Siamo quasi sicuri che quanto stiamo per dire è superfluo, ma nel dubbio preferiamo comunque porci il problema.

Ormai, dopo tanti anni di poco concrete chiacchiere, la raccolta differenziata dei rifiuti è una realtà anche nella città dei templi, quantomeno per il momento per circa la metà degli abitanti (le utenze domestiche del centro città saranno servite a fine gennaio, pare).

Chi ha avuto l’onere e in seconda battuta l’onore di dare il via al progetto e di concretizzarlo (e non ci riferiamo solo alla parte politica che ha ovviamente principalmente una funzione di indirizzo, ma alla macchina burocratica che ha, tra gli altri, i compiti della programmazione e del controllo, soprattutto sui servizi esternalizzati) avrà sicuramente pensato che tante vie cittadine, da cui presto, prestissimo spariranno i cassonetti sono storicamente, ahinoi, sfornite di contenitori di piccole dimensioni, cestini per intenderci.

Ed allora trovarsi in strade predisposte al transito pedonale e non poter raccogliere civilmente gli escrementi del proprio quadrupede o non poter gettare una bottiglietta d’acqua appena finita (volutamente non ci spingiamo sino ai mozziconi di sigarette) diventerebbe un problema che non farebbe altro che dare una scusa all’ignoranza per potersi autogiustificare.

Naturalmente, quando a suo tempo chi di dovere ha progettato l’implementazione del servizio della differenziata e, con grande visione d’insieme, ha pensato anche che a questo punto sarebbe stato impossibile non aumentare il numero di cestini in città, avrà anche valutato l’organizzazione necessaria alla gestione quotidiana di questi ultimi oltre che l’impatto economico dell’operazione.

 

*ma*

 

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è parte di un portale di più ampio respiro con ambito di interesse geografico limitato alla provincia di Agrigento. In un settore in fortissima evoluzione, una redazione ricca di collaboratori di grande esperienza ed obiettivi di informazione territoriale rapida e profonda, guideranno un percorso di crescita appena iniziato ma forte di grandi motivazioni, entusiasmo, responsabilità e vocazione all'innovazione ed alla trasparenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.