SAB, 15 DICEMBRE 2018

Revocate le misure cautelari per i fratelli La Gaipa: chiesto patteggiamento

Per Fabrizio e Salvatore La Gaipa via le misure cautelari: i loro legali hanno chiesto al PM un patteggiamento delle pene (scorri per leggere il resto)
Revocate le misure cautelari per i fratelli La Gaipa: chiesto patteggiamento

Passeranno il Natale a casa i fratelli Fabrizio e Salvatore La Gaipa; il primo, candidato e primo dei non eletti alle scorse regionali nella lista del Movimento Cinque Stelle, era agli arresti domiciliari dallo scorso 15 novembre mentre il secondo, che con Fabrizio gestisce l’Hotel Costazzurra di San Leone, aveva il divieto di dimora ad Agrigento.

Per entrambi dunque è stato dato parere favorevole all’istanza di revoca delle misure cautelari; la vicenda che ha coinvolto i fratelli La Gaipa ha destato scalpore anche a livello nazionale: i due sono accusati, in particolare, di estorsione nei confronti di almeno due loro ex dipendenti ai quali chiedevano una parte degli stipendi erogati in busta paga.

I legali dei La Gaipa, Diego Galluzzo e Calogero Petix, hanno concordato con il PM un patteggiamento di due anni di pena per Fabrizio ed un anno ed otto mesi per Salvatore, con il beneficio della sospensione della condizionale; a far scoppiare il caso alcune intercettazioni presentate, nello scorso mese di settembre, dall’ex dipendente e compagno di partito Ivan Italia: nelle registrazioni che risalgono al mese di gennaio 2017, ci sarebbero le prove principali dell’estorsione attuata contro lo stesso Italia.

La difesa dei La Gaipa ha puntato, nelle settimane appena trascorse, sulla tempistica con le quali sono state presentate le registrazioni da parte del diretto interessato e, in tal modo, l’obiettivo pare essere quello di dimostrare una matrice di natura politica dietro l’intera vicenda.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.