MER, 20 GIUGNO 2018

Rifiuti, l’allarme di Musumeci: “Situazione al collasso in Sicilia”

Il presidente della Regione ha fatto il punto della situazione in un'apposita conferenza stampa convocata a palazzo d'Orleans (scorri per leggere il resto)
Rifiuti, l’allarme di Musumeci: “Situazione al collasso in Sicilia”

Sui rifiuti il presidente della Regione, Nello Musumeci, è apparso tanto categorico quanto preoccupato: “La situazione è tragica”, l’affermazione è arrivata nel corso della conferenza stampa appositamente convocata a palazzo d’Orleans per discutere della problematica con i giornalisti.

La prima novità, in tal senso, che è stata annunciata riguarda la richiesta dello stato d’emergenza: “Non si possono risolvere problemi eccezionali senza poteri eccezionali – ha affermato Musumeci – dopo 30 giorni dall’insediamento posso dire che la situazione sul fronte dei rifiuti è vicina al collasso”.

L’emergenza principale riguarderebbe, secondo il numero uno della giunta regionale, la discarica di Bellolampo a Palermo; ma anche nelle altre province, da qui ai prossimi mesi, sarà difficile continuare a conferire in discarica. Oltre alla fase emergenziale, il presidente ha annunciato una serie di future riforme in grado di puntare all’incremento della raccolta differenziata: “E’ impossibile continuare a conferire, come avviene attualmente, cinquemila tonnellate di rifiuti al giorno nelle discariche – ha infatti tuonato Musumeci – L’unica soluzione è quella di differenziare i rifiuti. Ci riescono in Lombardia ed in Veneto, dove si raggiungono punte dell’80% di rifiuti differenziati, cosa abbiamo di meno noi siciliani?”

Si allontana l’ipotesi degli inceneritori, mentre per superare l’emergenza Musumeci punta sul trasporto della spazzatura all’estero in attesa di avviare i nuovi progetti sulla differenziata; sarà predisposto, in particolare, un bando internazionale volto a rintracciare possibili modalità per conferire all’estero i rifiuti. L’imperativo categorico, al momento, sembra soltanto quello di conferire in questi mesi il meno possibile nelle sature discariche siciliane.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è parte di un portale di più ampio respiro con ambito di interesse geografico limitato alla provincia di Agrigento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.