SAB, 24 AGOSTO 2019

Agrigento, successo per l’incontro dell’ANDE sulla nuova legge elettorale

Si è svolto ieri pomeriggio al Circolo Empedocleo di Agrigento, dinnanzi ad una sala gremita di gente, l'incontro organizzato dall'Associazione nazionale donne elettrici (ANDE) e dedicato alla nuova legge elettorale. (scorri per leggere il resto)
Agrigento, successo per l’incontro dell’ANDE sulla nuova legge elettorale

Si è svolto ieri pomeriggio al Circolo Empedocleo di Agrigento, dinnanzi ad una sala gremita di gente, l’incontro organizzato dall’Associazione nazionale donne elettrici (ANDE) e dedicato alla nuova legge elettorale con la quale il 4 marzo saremo chiamati a votare per rinnovare la rappresentanza politica in Parlamento. L’evento, fortemente voluto dalla dr.ssa Carola Depaoli – Presidente della sezione ANDE di Agrigento – è stato un’importante occasione di riconferma della lodevole attività d’informazione svolta costantemente dall’associazione di donne elettrici, la quale non a caso nasce a Roma nel lontano 1946, anno in cui le donne ottennero per la prima volta il diritto di votare. “Noi amiamo essere presenti sempre e farci sentire– ha ribadito la Depaoli nel corso del suo intervento di presentazione – ma lo facciamo fuori dall’ambiente strettamente partitico. Lottiamo da sempre contro l’astensionismo, affinché tutti possano coscientemente esercitare il proprio diritto di voto“.

Presente all’incontro anche la Dr.ssa Adele Campagna Sorrentino, Segretario Nazionale ANDE, la quale ha voluto ripercorrere le tappe più importanti che hanno caratterizzato il forte impegno profuso dall’associazione in tutti questi anni, nonché sottolineare l’importante ruolo giocato dalla società civile e da ogni singolo elettore nella partecipazione alla vita politica del nostro Paese: “La politica ti appartiene” è infatti uno dei diversi messaggi che l’associazione di donne elettrici ha voluto diffondere nel corso dell’incontro, attraverso la distribuzione di volantini informativi.

E se partecipare alla vita politica esercitando il diritto di voto è fondamentale, tenersi informati è sicuramente uno dei più importanti presupposti per poterlo fare. “Il voto è l’espressione più alta della sovranità popolare, in quanto votiamo per legittimare il potere politico“, ha sottolineato il prof. Lillo Giuseppe Fiorello- docente di diritto costituzionale presso l’Università degli Studi di Palermo- il quale, nella sua attenta relazione, non ha mancato di approfondire la lunga storia dei sistemi elettorali italiani, nonchè i principi che stanno alla base della nostra democrazia rappresentativa ed ancora le differenze che intercorrono tra i sistemi elettorali proporzionali e quelli maggioritari nell’ambito del più delicato bilanciamento tra le esigenze di rappresentatività e quelle di governabilità.

Attraverso la relazione del prof. Giovanni Tesè – docente di Discipline Giuridiche – sono stati invece chiariti nel dettaglio i tratti salienti della nuova legge elettorale, così come modificata a seguito di importanti pronunce come la sentenza n. 35 del 2017 con la quale la Corte Costituzionale si è pronunciata nel merito delle numerose questioni di legittimità costituzionale sollevate dai tribunali nei confronti del cosiddetto Italicum. La nuova legge elettorale con cui saremo chiamati a votare prende dunque il nome di Rosatellum bis per via dell’esistenza di una precedente proposta di legge, mai approvata e presentata dallo stesso deputato Ettore Rosato.

Al termine dell’interessante incontro, la presidente Carola Depaoli ha rivolto i saluti a tutti i presenti, alle associazioni presenti in sala, nonché ai relatori e agli studenti di giurisprudenza che vi hanno preso parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.