DOM, 23 SETTEMBRE 2018

Caso La Gaipa: sul patteggiamento si deciderà fra due settimane

Il Gip si è riservato altre due settimane per decidere sulla richiesta di patteggiamento fatta dai fratelli La Gaipa (scorri per leggere il resto)
Caso La Gaipa: sul patteggiamento si deciderà fra due settimane

Si torna parlare del caso inerente Fabrizio La Gaipa ed il fratello Salvatore, gestori dell’Hotel Costazzurra di San Leone e finiti nel calderone di un’inchiesta che mira ad accertare restituzioni di denaro da parte di alcuni dipendenti dalla busta paga erogata.

Il caso è scoppiato lo scorso 14 novembre, quando Fabrizio La Gaipa è stato posto ai domiciliari mentre a Salvatore è stata assegnata la misura cautelare del divieto di dimora ad Agrigento; l’affaire ha fatto il giro d’Italia per via della candidatura di Fabrizio La Gaipa alle regionali del 5 novembre, quando è risultato essere il primo dei non eletti nella lista del Movimento Cinque Stelle.

I legali dei La Gaipa hanno chiesto il patteggiamento, proprio su tale richiesta il Gip Alessandra Vella ha però deciso di aspettare altre due settimane per valutare al meglio la questione; qualora la richiesta fosse accolta, per Fabrizio La Gaipa scatterebbe una condanna a due anni, per Salvatore invece ad un anno ed otto mesi, in entrambi i casi gli imputati non sconterebbero la pena in carcere per via della condizionale.

Il patteggiamento prevederebbe inoltre un risarcimento dei danni alle vittime, ma è su quest’ultimo fronte che il Gip è chiamato a rispondere: il risarcimento, fanno sapere i legali delle vittime, non soddisfa i diretti interessati; dunque, fra due settimane il Gip deciderà sul caso e se, in particolare, la richiesta di patteggiamento proposta dagli avvocati dei La Gaipa può essere o meno accolta.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.