MAR, 16 OTTOBRE 2018

La mafia imponeva i propri cibi nei ristoranti, blitz di Finanza e Carabinieri

Sei gli arresti, indagini a tutto tondo che hanno permesso di svelare nuovi business illeciti di cosa nostra nel palermitano. (scorri per leggere il resto)
La mafia imponeva i propri cibi nei ristoranti, blitz di Finanza e Carabinieri

Un blitz congiunto effettuato dai militari del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Palermo e del Comando Compagnia Carabinieri di Bagheria, ha arrestato sette persone accusate, a vario titolo, dei delitti di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata, delitti contro la pubblica amministrazione e reiterate condotte di frode fiscale.

Il perno delle indagini ruota attorno Pietro Formoso, già detenuto a seguito di altre operazioni contro cosa nostra effettuate in passato.

Estorsioni, minacce e pressioni per imporre sulle tavole di alcuni ristoranti la propria carne ed i propri cibi; questa volta gli interessi di cosa nostra hanno ruotato nel settore della ristorazione, non risparmiando dunque le attività commerciali di questo ramo d’attività.

I provvedimenti sono scattati per Lorenzo D’Arpa 58 anni, Paolo Dragna, 64 anni, Pietro Formoso, 69 anni, Francesco La Bua, 68 anni, Pietro Morgano, 70 anni e Vincenzo Meli, 66 anni.

Nei confronti di Francesco Paolo Migliaccio, il gip del Trinbunale di Palermo ha invece imposto il divieto di dimora nel territorio del Comune di Palermo e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.