DOM, 23 SETTEMBRE 2018

Incidente al Giro d’Italia, ancora in gravi condizioni il motociclista investito

La statale era chiusa per il passaggio del giro d'Italia. Arrestato l'anziano alla guida della Stilo. (scorri per leggere il resto)
Incidente al Giro d’Italia, ancora in gravi condizioni il motociclista investito

Una macchia nel corso di una giornata che, sportivamente e non solo, si è rivelata perfetta per Agrigento: si può sintetizzare in questa maniera quanto accaduto presso il bivio di Maddalusa lungo la ss 115, un tratto “maledetto” per via di tanti incidenti nel passato e che, a pochi minuti dal via della partenza della quinta tappa del Giro d’Italia, è stato teatro di un nuovo grave sinistro.

I FATTI – Una Fiat Stilo è piombata, uscendo dal bivio di Maddalusa, lungo la ss 115 in quel momento chiusa al transito in quanto sede di gara della carovana rosa, pronta a prendere il via da piazza Vittorio Emanuele. A guidarla un anziano, Gaetano Agozzino di 70 anni, che voleva passare a tutti i costi nonostante lo sbarramento attuato dai mezzi e dagli uomini dell’Anas, i quali presidiavano il varco per evitare pericoli in quel tratto che a breve avrebbe visto il passaggio della quinta tappa.

Stando ad una prima ricostruzione, l’automobilista avrebbe ugualmente ingranato la prima superando il cordone di sicurezza dell’Anas e, proprio in quel momento, presso il bivio di Maddalusa sopraggiungeva un motociclista. Si era detto inizialmente che l’uomo in questione fosse un ufficiale di gara, circostanza poi smentita dalla direzione del Giro d’Italia; in un secondo momento, si è precisato che il motociclista, un uomo di 48 anni di Sambuca di Sicilia, non aveva nulla a che fare con l’organizzazione della carovana rosa, ma era stato autorizzato a passare nei tratti interessati dalla gara per scattare delle fotografie.

LE CONDIZIONI DEL FERITO – In un’Agrigento divisa tra la felicità per una giornata di importante sport nel proprio territorio e l’amarezza per quanto accaduto a Maddalusa, nel pomeriggio di mercoledì si sono rincorse diverse voci circa le condizioni del motociclista. Si era parlato addirittura della conferma del decesso, con la quinta tappa del giro che nel frattempo proseguiva verso Santa Ninfa in un clima di pesante amarezza. In serata la definitiva smentita del decesso: l’uomo di 48 anni era, e si trova tuttora, in gravi condizioni dopo essere stato operato due volte al Sant’Elia di Caltanissetta, dove è giunto per mezzo di un elisoccorso.

Dodici costole rotte ed un’emorragia celebrale dovuta all’impatto, è questa la diagnosi: adesso il motociclista si troverebbe in coma farmacologico e si attendono evoluzioni nelle prossime ore, con la prognosi ancora riservata.

L’ARRESTO DELL’ANZIANO – Intanto Gaetano Agozzino si trova agli arresti domiciliari, dopo essere stato interrogato dagli inquirenti: la Procura ha aperto un fascicolo, per lui l’accusa è di lesioni personali gravissime e resistenza a pubblico ufficiale.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.