LUN, 14 OTTOBRE 2019

“Strabuttanissima Sicilia” all’ex Collegio dei Filippini

Presentato il libro del giornalista siciliano Pietrangelo Buttafuoco (scorri per leggere il resto)
“Strabuttanissima Sicilia” all’ex Collegio dei Filippini

In occasione della presentazione del suo nuovo libro, avvenuto presso l’ ex Collegio dei Filippini di Agrigento, accanto all’autore Pietrangelo Buttafuoco vi erano il sindaco Calogero Firetto e Lello Analfino. Proprio lui, in qualità di artista e amico dello scrittore, ha aperto un dibattito capace di proseguire lungo l’intero pomeriggio.

Lo scrittore siciliano ha presentato, come detto, il suo nuovo libro “Strabuttanissima Sicilia dove lo stesso autore racconta l’attuale momento politico e quello che avverrà nel futuro. Buttafuoco immagina la sorte dei siciliani e della loro sicilianità che si portano dietro.

Parole dette ieri e ripetute oggi. Solo tre anni fa infatti era il tempo di “Buttanissima Sicilia”: oggi lo scrittore, con “Strabuttanissima Sicilia”, parla della Sicilia e di tutte le sue contraddizioni analizzando fatti di cronaca vissuti, comportamenti degli amministratori politici senza però dimenticare i “giganti”, a partire dallo scrittore Andrea Camilleri che fa grande la Sicilia al punto da esportarla e farla conoscere ed apprezzarla nel mondo.

Per Pietrangelo Buttafuoco l’ipocrisia rimane ancora il problema più importante. Ma non si sottovaluta il raggiro, la sindrome del “ricatto” a cui i siciliani si espongono, insieme al terrore che la sua gente possa cadere nei siciliani dal “baffo furbo”, come li chiama lo stesso scrittore.

Una grande affluenza di gente è intervenuta all’ultimo appuntamento della rassegna Incontri “Equilibri”, promossa dal Comune di Agrigento, che ha visto anche la presenza del giornalista agrigentino del programma Mediaset “Le Iene”, Silvio Schembri.

Gli spettatori hanno accolto Buttafuoco con molta attenzione ed entusiasmo, mettendo lo scrittore e giornalista a proprio agio. L’autore si è poi concesso a dediche e foto con i propri lettori che, in molte delle sue affermazioni durante la presentazione, lo hanno applaudito con non poca enfasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.