LUN, 24 SETTEMBRE 2018

Un anno fa l’incidente di Giuseppe Di Stefano

La famiglia e gli amici lanciano un nuovo appello affinché possa essere stabilita la verità sulla dinamica del sinistro fatale al giovane agrigentino. (scorri per leggere il resto)
Un anno fa l’incidente di Giuseppe Di Stefano

La scena dell’incidente del 22 agosto 2017 presentatasi ai primi soccorritori 

Agrigento non ha dimenticato Giuseppe Di Stefano, il ragazzo di 25 anni deceduto in un incidente stradale occorso lungo la SS 640 non lontano dal bivio per Maddalusa.

Il fatto è accaduto il 22 agosto 2017, dunque oramai è passato un anno. In questi dodici mesi la famiglia, gli amici e l’intera comunità non hanno mai smesso di cercare la verità sull’accaduto: Giuseppe Di Stefano è deceduto dopo la caduta con la sua moto, ma sono diversi gli elementi su cui in primis i genitori hanno sempre detto di voler vederci chiaro.

In primo luogo la posizione del casco, ritrovato dai primi soccorritori perfettamente poggiato accanto al giovane ed il sospetto è che qualcuno lo abbia sfilato e poi lasciato appositamente accanto il luogo dell’impatto. Per questo e per altri motivi, sono stati numerosi gli appelli di chi conosceva bene il ragazzo: “Chi sa parli” hanno subito detto i genitori, intervistati poco dopo il fatale incidente dalla trasmissione “Chi l’Ha Visto?”.

Oggi gli stessi genitori si aggrappano nuovamente alla speranza che qualcuno possa dire la verità sul caso: in particolare, la speranza è riposta anche in chi, tornando in città dopo un anno per le vacanze, possa in qualche modo ricordarsi dettagli utili per ricostruire la dinamica dell’incidente di quel maledetto giorno di un anno fa.

La speranza è anche riposta su una circostanza oggettivamente ben riscontrabile: il tratto di strada dell’incidente è densamente trafficato ad agosto, nell’orario del sinistro questa parte della statale risulta con diverse auto incolonnate verso Agrigento soprattutto per via di tanti vacanzieri di ritorno dal mare. Dunque, anche se è passato un anno, c’è la convinzione che qualcuno ricordi ed abbia visto la dinamica di quanto accaduto.

Amici e parenti ricorderanno Giuseppe nella giornata di mercoledì, con una messa presso la parrocchia del Villaggio Mosè, quartiere dove il giovane risiedeva e dove verosimilmente stava tornando con la sua moto.

Un tratto di strada, quello dove è accaduto l’incidente, decisamente maledetto: poco più avanti il 9 maggio scorso un altro sinistro accaduto nel giorno del passaggio del giro d’Italia, ha ucciso un motociclista di 48 anni di Sambuca di Sicilia, investito da un’auto che ha forzato il blocco degli addetti dell’Anas che controllavano la sicurezza lungo il percorso della carovana rosa. Per tal motivo, i familiari di Giuseppe Di Stefano hanno chiesto l’installazione di alcune telecamere su questo tratto, circostanza che sarebbe stata giudicata fattibile dagli organi preposti e su cui si starebbe già lavorando.

 

One thought on “Un anno fa l’incidente di Giuseppe Di Stefano”

Nobile Carmelina

21 agosto 2018

Volevo ringraziare ufficialmente Mauro Indelicato e tutta la redazione per la disponibilità e l'attenzione donataci

Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.