LUN, 24 SETTEMBRE 2018

Caso Diciotti: procura di Agrigento apre indagine su Matteo Salvini

Matteo Salvini è indagato dalla procura di Agrigento, il fascicolo adesso passa al tribunale dei ministri. (scorri per leggere il resto)
Caso Diciotti: procura di Agrigento apre indagine su Matteo Salvini

“La Procura di Agrigento, al termine dell’attività istruttoria compiuta a Roma, ha deciso di passare a noti il fascicolo, iscrivendo due indagati, un ministro ed un capo di gabinetto, e trasmettendo doverosamente i relativi atti alla competente procura di Palermo per il successivo inoltro al tribunale dei ministri del capoluogo”.

E’ con questa nota che la procura della città dei templi dichiara di aver messo sotto inchiesta un ministro. La vicenda è quella della nave Diciotti, ancorata da giorni a Catania senza poter sbarcare più di 150 migranti rimasti a bordo e soccorsi una settimana fa a largo di Lampedusa.

La procura di Agrigento aveva aperto un fascicolo contro ignoti, il quale adesso però vede l’iscrizione nel registro degli indagati di un ministro. Si tratta del ministro degli interni Matteo Salvini, l’accusa è quella di sequestro di sequestro.

Proprio in questo sabato il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, si era recato a Roma per interrogare alcuni funzionari del ministero. Al termine degli incontri, si è deciso quindi di mettere sotto inchiesta in ministro ed il capo di gabinetto.

 

 

Sui social già intorno alle 20:00 era arrivata una dichiarazione dello stesso Salvini che anticipava gli eventi: “Il Procuratore di Agrigento ha chiesto ufficialmente i miei dati anagrafici. Per fare cosa? Non perda tempo, glieli do io. Matteo Salvini, nato a Milano il 9/3/1973, residente a Milano in via xxx – si legge – Se vuole venire ad interrogarmi od arrestarmi perché difendo i confini e la sicurezza del mio Paese, ne sono fiero e lo aspetto a braccia aperte!”

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.