SAB, 07 DICEMBRE 2019

Pubblicizzazione acqua pubblica: nota di Potere al Popolo Agrigento

Riceviamo e pubblichiamo di seguito integralmente una nota stampa del gruppo politico agrigentino di "Potere al Popolo", il quale si esprime sulla gestione del servizio di erogazione idrica. (scorri per leggere il resto)
Pubblicizzazione acqua pubblica: nota di Potere al Popolo Agrigento

“Potere al Popolo, movimento politico nato anche nella provincia di Agrigento nel dicembre dello scorso anno, ha da sempre chiesto espressamente la ri-pubblicizzazione del servizio idrico, nonché di tutti i servizi fondamentali per la vita delle comunità locali. Richiesta per noi focale e diventata, anche sulla spinta delle assemblee siciliane, punto cardine del programma elettorale e dei valori fondanti del movimento, come esplicitato al punto 13 di tale programma. Tale impegno è in conseguenza e coerenza del voto espresso dalla maggioranza del popolo italiano col voto referendario del 2011 e dell’obiettivo strategico del movimento che punta ad attribuire potere decisionale reale nelle mani del popolo.

Per questo motivo, in vista della riunione dei sindaci dell’agrigentino che avrà luogo il 28 di questo mese e che ha come oggetto la risoluzione della convenzione con G.A. C.S, come Assemblea Territoriale di Potere al popolo vogliamo sollecitare i sindaci a mantenere fede agli impegni assunti nelle precedenti sedute e portare a compimento la risoluzione della convenzione col gestore privato Girgenti Acque. Impegno che è tanto più urgente tanto più sono le ripetute e acclarate inadempienze del gestore nell espletamento del servizio, come testimoniato tra l’altro dalle numerose iniziative della magistratura con particolare riferimento alla depurazione delle acque reflue e allo smaltimento dei fanghi di depurazione. Oltre che dalle difficoltà contingenti che da anni vivono sulle proprie spalle e sulle proprie finanze i nostri concittadini, continuamente soggetti all’erogazione di un servizio che niente ha da invidiare a paesi sottosviluppati.

Se e fin quando i sindaci si muoveranno nel solco della volontà popolare espressasi col referendum del 2011 e si intesteranno la gestione pubblica dell’acqua, senza stratagemmi e sotterfugi tesi a favorire gli interessi dell’inefficace gestore privato, essi avranno il sostegno convinto della nostra organizzazione.

Auspichiamo che il giorno 28 sia compiuto un altro passo decisivo verso la gestione pubblica del Servizio Idrico Integrato, per ridare dignità al voto referendario a lungo calpestato e alla volontà popolare!”

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.