VEN, 16 NOVEMBRE 2018

Scomparsa di Gessica Lattuca, le indagini vanno avanti mentre il caso diventa sempre più nazionale

Nel frattempo l'ex compagno Filippo Russotto lancia dure accuse alla sua ex suocera durante la trasmissione "Quarto Grado". (scorri per leggere il resto)
Scomparsa di Gessica Lattuca, le indagini vanno avanti mentre il caso diventa sempre più nazionale

Giorni e giorni senza Gessica, cani molecolari, Ris, iscrizione sul registro degli indagati dell’ex compagno, giro di prostituzione, un turbinio di eventi che non hanno ancora portato ad una svolta, a capire cosa sia effettivamente successo alla giovane mamma di Favara. Venerdì sera su “Quarto Grado”, la trasmissione di rete 4, ci si è nuovamente occupati del caso.

A parlare è stato Filippo Russotto, ex compagno di Gessica e fino ad oggi unico indagato per la sua scomparsa. Russotto ha usato parole forti davanti le telecamere del noto programma, parole rivolte alla suocera rea, secondo lo stesso Russotto, di essere connivente con la presunta attività di prostituzione presumibilmente svolta dalla figlia, nonché che fosse anche amica del “suo datore di lavoro”, Volpe. Dal suo canto la madre di Gessica afferma che la figlia facesse sempre ritorno a casa e che Volpe fosse innamorato di lei. Di questa presunta “facilità di costumi” di Gessica, a quanto pare, si parlava in paese insistentemente, ad affermarlo è un’amica di Gessica, anch’essa intervistata dai giornalisti di “Quarto Grado”, il cui nome è venuto fuori nelle intercettazioni del Volpe.

Volpe, è bene ricordarlo, si trova al momento in galera ma per una vicenda del tutto diversa e che riguarda presunte violenze da lui perpetuate contro l’ex moglie che vive in Lombardia. Ma il suo nome compare in un’inchiesta che riguarda il giro di prostituzione gestito dallo stesso Volpe. All’ex datore di lavoro della donna inoltre, è stata bruciata nelle settimane scorse la macchina.

La giovane amica della donna scomparsa inoltre, avrebbe detto che a Favara tutti sapevano del debole di Gessica per l’alcol, del fatto che si facesse “comprare” con pochi spiccioli che la 27enne scomparsa, a detta dell’amica, portava alla madre per non essere picchiata dalla stessa. Fango su fango insomma, tutto ovviamente ancora da dimostrare e da vagliare.

Intanto continua l’attività investigativa portata avanti dalle forze dell’ordine e dai Ris, che avrebbero sequestrato le auto e le abitazioni di Filippo Russotto. Oltre alle tracce ematiche trovate nell’abitazione dell’ex compagno, i cani molecolari avrebbero anche cercato tracce di Gessica nel centro di Naro e nei pressi della diga “Furore”, luogo nei cui lo stesso Russotto avrebbe un casolare.

L’ex compagno di Gessica, intanto, nei giorni scorsi, sarebbe stato convocato dai Carabinieri della tenenza di Favara. Non si conosce il contenuto dell’ora di dialogo avuta con i Militari dell’Arma.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.