VEN, 16 NOVEMBRE 2018

Esonda il fiume Akragas, evacuate le case limitrofe

Protezione Civile e Vigili del Fuoco a lavoro: tutti gli abitanti delle zone limitrofe al fiume Akragas hanno lasciato le case. (scorri per leggere il resto)
Esonda il fiume Akragas, evacuate le case limitrofe

A partire dalle 22:00 diversi agrigentini hanno iniziato a lasciare le proprie abitazioni nei quartieri limitrofi al fiume Akragas: Maddalusa, Villaggio Peruzzo e viale Emporium sono soltanto alcune delle zone interessate dall’esondazione oramai confermata del fiume.

L’intervista ad Attilio Sciara durante le fasi di evacuazione

Un’evoluzione repentina quella che si è avuta nelle ultime ore, figlia del violento temporale che ha colpito Agrigento intorno le 19:00 di questo sabato. L’acqua caduta è davvero tanta, poco dopo l’orario di cena è stato notato un innalzamento repentino della portata del fiume Akragas. Da qui la decisione di evacuare le abitazioni limitrofe.

Ansia e preoccupazione ovviamente tra gli agrigentini residenti in zona, ma non solo: la città, così come tutta la provincia, appare provata da 48 ore di pioggia quasi ininterrotta. Fino a poche ore fa sembrava Sciacca la località più colpita, l’ultimo temporale pomeridiano ha spostato l’emergenza anche ad Agrigento.

Adesso si spera nel miglioramento delle condizioni per tirare un sospiro di sollievo ed iniziare quella che sembra essere un’importane conta dei danni. Intanto però la priorità è mettere al sicuro gli abitanti nei pressi del fiume Akragas. Sul posto stanno operando i Vigili del Fuoco e le forze dell’ordine: si stima che siano circa 50 le famiglie evacuate.

Via Teti

 

Si temono nuove ondate di piena, dunque per loro e forse anche per altri abitanti di zone vicine si è subito prospettata una nottata da passare fuori casa.

Pubblicato da InfoAgrigento Quotidiano Online su Sabato 3 novembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.