MAR, 11 DICEMBRE 2018

Tentato omicidio Nicotra: prelievo biologico per uno degli indagati

Il giudice ha autorizzato i pm della Dda a procedere per l’estrazione del campione biologico che dovrà avvenire anche con “l’impiego di mezzi di coercizione fisica rispettando la dignità e il pudore dell’interessato”. (scorri per leggere il resto)
Tentato omicidio Nicotra: prelievo biologico per uno degli indagati

Il favarese Francesco Di Benedetto sarà obbligato a sottoporsi agli accertamenti per il prelievo di campioni biologici in modo coattivo così come disposto dal gip del Tribunale di Palermo.

Il giudice ha infatti autorizzato i pm della Dda a procedere per l’estrazione del campione biologico che dovrà avvenire anche con “l’impiego di mezzi di coercizione fisica rispettando la dignità e il pudore dell’interessato”.

La vicenda riguarda l’inchiesta relativa al tentato omicidio avvenuto a Favara, in via Torino, il 23 maggio del 2017 nei confronti del 36enne Carmelo Nicotra. Un vero e proprio agguato che vide miracolosamente scampare a morte certa il giovane favarese.

Come si ricorderà il fascicolo di inchiesta fu accorpato a quello della morte del 42enne Carmelo Ciffa avvenuto il 26 ottobre del 2016 davanti ad un supermercato, sempre a Favara.

Ad essere aggiunte nel registro degli indagati la Dda ha iscritto il 30enne Michele Bellavia e lo steso Francesco Di Benedetto accusato di detenzione aggravata di armi; Bellavia, invece, è accusato di detenzione di armi e tentato omicidio.

Il prelievo di campioni biologici servirà a stabilire se vi siano delle tracce utili alle indagini tali da ricondurre i due indagati con alcuni oggetti sequestrati nei luoghi dell’agguato a Nicotra.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.