VEN, 26 APRILE 2019

Etna tra spettacolo e paura: eruzione alla vigilia di Natale, più di 130 scosse registrate

Dalle prime ore del mattino di questo 24 dicembre, in corso una delle più importanti eruzioni degli ultimi anni dal cratere centrale. Disagi all'aeroporto Fontanarossa di Catania. (scorri per leggere il resto)
Etna tra spettacolo e paura: eruzione alla vigilia di Natale, più di 130 scosse registrate

Foto di Piero Copani su EtnaWeb

L’Etna dona spettacolo, ma anche paura e disagi. Dalle prime ore di questa vigilia di Natale, il vulcano ha iniziato a “sbuffare” pesantemente dal cratere centrale, segno di una delle eruzioni più importanti degli ultimi anni.

Uno spettacolo della natura, con l’alta colonna di cenere visibile anche dalle Madonie e da altre parti della Sicilia, grazie anche ad una giornata favorevole scandita da un sole quasi primaverile. Ma oltre allo spettacolo, c’è da registrare anche la paura: diverse scosse di terremoto causate dall’attività del vulcano sono state avvertite in questa vigilia di Natale, la più forte al momento ha avuto magnitudo 4.3 gradi Richter con epicentro a Zafferana Etnea. Le scosse si susseguono a poche ore di distanza l’una dall’altra e vengono distintamente sentite dalla popolazione dell’hinterland catanese, causando dunque non pochi timori anche se, è bene sottolinearlo, non si registrano al momento danni.

Disagi per l’aeroporto di Catania, particolarmente affollato in queste ore per via dell’arrivo in Sicilia di turisti e di cittadini residenti fuori dall’isola a ridosso del Natale. Dalle 14:00 alle 15:00 lo scalo è rimasto chiuso, poi riaperto ma solo parzialmente. Diversi i voli in arrivo dirottati su altri aeroporti oppure fatti decollare da Catania con notevole ritardo.

Intanto l’attività dell’Etnia continua e viene monitorata minuto dopo minuto dagli esperti dell’Ingv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.