DOM, 17 NOVEMBRE 2019

Lezioni al freddo e riscaldamenti spenti, amara sorpresa per molti studenti agrigentini

Arrivano rassicurazioni sul ripristino dei riscaldamenti, ma al suono della campanella per molti studenti è arrivata l'amara sorpresa delle aule al freddo. (scorri per leggere il resto)
Lezioni al freddo e riscaldamenti spenti, amara sorpresa per molti studenti agrigentini

Immagine di archivio 

Da Agrigento a Favara, fino ad altri paesi della provincia: sorpresa “fredda” per molti studenti agrigentini, costretti ad attrezzarsi contro aule senza riscaldamenti.

Dopo il tepore delle lunghe vacanze natalizie e l’inevitabile spegnimento delle caldaie per circa 15 giorni, ecco che il risultato al rientro è stato questo. In particolare i genitori degli allievi dell’istituto comprensivo “Fontanelle” hanno lamentato a gran voce la problematica.

Il comune avrebbe risposto che per questioni di sicurezza le caldaie vengono spente durante il periodo delle feste e che presto la situazione dovrebbe ritornare alla normalità. Nell’attesa tanta pazienza ed un buon equipaggiamento tra sciarpe, giubbotti, cappelli e guanti, sarebbe l’unica via percorribile.

A Favara, come scrive Giuseppe Moscato su SiciliaOnPress, c’è chi ha preferito fare lezione all’aperto, riscaldato da un sole che per fortuna non ha fatto mancare il suo tenue ma importante supporto invernale.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.