GIO, 20 GIUGNO 2019

Lo “shutdown” siciliano: approvato il bilancio, si aspetta la finanziaria

Via libera al bilancio, la finanziaria in aula giorno 11 febbraio: intanto è scaduto l'esercizio provvisorio, la Regione può effettuare solo spese obbligatorie ed indispensabili. (scorri per leggere il resto)
Lo “shutdown” siciliano: approvato il bilancio, si aspetta la finanziaria

Alla fine sala d’Ercole, al termine di una lunga seduta, approva il bilancio interno della regione. Si tratta di una manovra da oltre 21 miliardi di Euro, una norma giudicata da tutti come “lacrime e sangue”.

C’è un disavanzo di oltre due miliardi di Euro da colmare, come si legge su LiveSicilia, dunque il governo ha portato in aula un bilancio dove non si risparmiano tagli in ogni settore. Critiche arrivano dall’opposizione, con Pd e M5S che hanno votato contro la norma, la maggioranza ha retto la botta ed al suo interno adesso si parla di “tagli provvisori”.

Infatti la sessione di bilancio dell’Ars proseguirà giorno 11 febbraio, quando in aula approderà la manovra finanziaria. In questi dieci giorni, il governo di Palermo proverà ad ottenere il via libera da Roma per poter spalmare una parte del pregresso in trent’anni piuttosto che in tre anni. Questo libererebbe risorse che dunque colmerebbero molti dei tagli previsti nel bilancio approvato venerdì.

Nel frattempo però, scaduto l’esercizio provvisorio lo scorso 31 gennaio, la Regione entra in regime di gestione provvisoria: non si potrà cioè programmare la spesa in dodicesimi, come avviene con l’esercizio provvisorio, bensì spendere soltanto ciò che è necessario per mandare avanti la macchina amministrativa. Un piccolo stop dunque alle spese della Regione, che verrà tolto poi una volta dato il via libera alla finanziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.