GIO, 18 APRILE 2019

Porto Empedocle, continua lo sciopero dei netturbini: chiesta audizione al Prefetto

Ancora ferma la raccolta a Porto Empedocle, la presidenza del consiglio comunale chiede audizione al Prefetto di Agrigento. (scorri per leggere il resto)
Porto Empedocle, continua lo sciopero dei netturbini: chiesta audizione al Prefetto

Rifiuti per strada, raccolta ferma da giorni, una situazione oramai che rischia di implodere: Porto Empedocle fa i conti con l’ennesima emergenza riguardante lo sciopero dei netturbini, i quali chiedono il pagamento di alcuni arretrati.

E così, con la differenziata porta a porta ferma al palo, in città giorno dopo giorno si accumulano rifiuti di ogni tipo: in centro come nella parte alta, nella zona portuale come in quella periferia, lo “spettacolo” offerto dall’emergenza è indecoroso.

In merito, si registra l’intervento del presidente del consiglio comunale Mariù Caci: “Vista la grave situazione finanziaria ed igienico-sanitario, che ormai da parecchio tempo attanaglia la Città – si legge in una nota della presidenza del consiglio – ho chiesto una Audizione con sua Eccellenza il Prefetto, per discutere e trovare definitivamente soluzioni concrete e definitive”.

Il comune al momento non sembra avere la forza finanziaria necessaria per superare questa ennesima crisi. I cittadini, dal canto loro, appaiono sia preoccupati per l’evolversi della situazione che quasi rassegnati a dover costantemente vivere con lo spauracchio della mancata raccolta, indice di un comune che non riesce a superare le gravi difficoltà finanziarie emerse soprattutto dal 2014 in poi.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.