GIO, 14 NOVEMBRE 2019

SPECIALE BLITZ KERKENT: Quella volta in cui Massimino “grazia” un empedoclino

Si dimostra comunque come la mafia ancora regga il controllo del territorio e decida le sorti delle possibili faide interne alla malavita locale (scorri per leggere il resto)
SPECIALE BLITZ KERKENT: Quella volta in cui Massimino “grazia” un empedoclino

Uno “sgarro” che non è stato punito con un omicidio. Il presunto boss Antonio Massimino, principale figura del blitz antimafia scattato ieri denominato “Kerkent”, avrebbe “graziato” un giovane di Porto Empedocle dopo l’incendio ad un motorino commesso a danno di un suo gregario.

Un vero e proprio affronto che sarebbe stato risolto con una “soluzione alternativa”, nei fatti evitando quello che poteva essere un omicidio. Il tutto sarebbe emerso da alcune intercettazioni rilevate nell’ottobre del 2015 e che avrebbero visto l’intervento del presunto boss agrigentino subito dopo essere tornato libero dopo la condanna rimediata nell’operazione denominata “San Calogero”.

Secondo quanto emerso dagli atti del gip il boss sarebbe poi intervenuto imponendo al trentenne empedoclino di restituire un ciclomtore di pari valore alla vittima.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.