MER, 26 GIUGNO 2019

Tensioni fra comunità africane, in Prefettura il comitato per l’ordine e la sicurezza

Una riunione a poche ore dagli allarmi scaturiti dalle tensioni soprattutto tra senegalesi e gambiani (scorri per leggere il resto)
Tensioni fra comunità africane, in Prefettura il comitato per l’ordine e la sicurezza

Si è svolto sabato pomeriggio il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato dal Prefetto di Agrigento Dario Caputo dopo gli allarmanti fenomeni verificati nella zona del centro storico, con particolare riferimento all’area di “spaccio” che nelle ultime settime settimane ha visto numerosi interventi da parte delle Forze dell’Ordine.

Episodi che, nella grande maggioranza di casi, hanno visto protagonisti extracomunitari; l’ultimo episodio in termine di “tensione” è quanto accaduto venerdì scorso con la comunità senegalese allarmata dalla presenza di presunti spacciatori di origine gambiana. “Questo venerdì pomeriggio – aveva affermato ai nostri microfoni uno storico rappresentante dei senegalesi ad Agrigento – volevamo un chiarimento con questi ragazzi del Gambia”. Al contrario, la situazione è stata sul punto di degenerare.

Episodi che hanno così richiamato l’attenzione del Prefetto di Agrigento poichè – come affermato dallo stesso – “bisogna garantire l’ordinata e civile convivenza”.

Presenti al vertice i rappresentanti delle Forze dell’ordine, il Sindaco della città dei Templi, nonché alcuni membri della comunità senegalese. L’obiettivo comune è quello di prevenire il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti con i controlli che, come oramai accade da giorni, si intensificheranno in quella zona del centro storico agrigentino compresa fra le vie Atenea, Vallicaldi, piazza Ravanusella, Boccerie e Cannameli.

Come assicurato dal Prefetto Caputo ci sarà un’azione collettiva fra le Forze dell’Ordine per prevenire ogni tipo di eventuale reato.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.