LUN, 20 MAGGIO 2019

SPECIALE AMMINISTRATIVE 2019 – Caltanissetta e Gela al ballottaggio, il voto in Sicilia

Tornata favorevole al centro - destra, M5S tiene a Caltanissetta e Castelvetrano: tra i principali comuni al voto, solo a Bagheria il sindaco risulta eletto al primo turno (scorri per leggere il resto)
SPECIALE AMMINISTRATIVE 2019 – Caltanissetta e Gela al ballottaggio, il voto in Sicilia

La tornata amministrativa in Sicilia è molto attesa alla vigilia, tanto da richiamare diversi big della politica nazionale sull’isola negli ultimi comizi della giornata di venerdì. L’unico capoluogo al voto è Caltanissetta, ma al contempo si vota anche in grossi comuni quali Gela, Bagheria, Monreale, Castelvetrano e Mazara Del Vallo: elezioni quindi significative dell’andamento elettorale nella nostra regione.

A Caltanissetta si profila ballottaggio tra il candidato del centro – destra, Michele Giarratana, e quello del Movimento Cinque Stelle, Roberto Gambino: il primo è fermo al 37.68% dei consensi, il secondo invece al 19%. Il ballottaggio è previsto nel caso in cui nessun candidato raggiunga almeno il 40% dei voti, Giarratana per diverse ore ha accarezzato l’idea di un’elezione al primo turno.

Ballottaggio anche nell’altro importante comune nisseno, ossia Gela: avanti il candidato Lucio Greco, supportato da liste civiche di centro – sinistra e da una lista ricollegabile a Forza Italia, con il 36.31% dei voti. Al secondo turno entra l’unico candidato leghista in Sicilia, Giuseppe Spata, che raggiunge il 30% dei consensi.

Nel trapanese, ballottaggio a Castelvetrano e Mazara del Vallo: nel primo comune si contenderanno il posto di primo cittadino Calogero Martire, che ha il 29% dei voti, ed il grillino Enzo Alfano accreditato del 28% dei consensi. Nell’altro ente invece, sfida tra Salvatore Quinci, supportato da alcune liste civiche, che ha il 33.28% dei voti, e Giorgio Randazzo con il 21%: quest’ultimo è candidato da alcune civiche e dalla Lega ed ha sopravanzato il candidato ufficiale del centro – destra, Benedetta Corrao. Fuori invece il Movimento Cinque Stelle.

In provincia di Palermo, l’unico comune con il doppio turno che ha già eletto un sindaco è quello di Bagheria: a vincere con il 47% dei voti è infatti Filippo Tripoli, supportato da liste civiche, dietro invece il candidato del centro – destra Gino Di Stefano. Ballottaggio tra Alberto Arcidiacono e Pietro Capizzi invece a Monreale.

Complessivamente, in Sicilia il quadro sembra favorire il centro – destra che mette dietro sia il centro – sinistra che il M5S: quest’ultimo è in lizza solo a Caltanissetta e Castelvetrano, mentre perde i comuni di Bagheria e Gela dove aveva vinto cinque anni fa.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.