SAB, 16 NOVEMBRE 2019

Omicidio Miceli, continua il processo: depongono maresciallo e consulente

Il marmista è stato ucciso nel dicembre 2015 nel suo laboratorio di Cattolica Eraclea (scorri per leggere il resto)
Omicidio Miceli, continua il processo: depongono maresciallo e consulente

Sarebbe rimasto, dopo averlo massacrato, fermo davanti il suo laboratorio per qualche minuto prima di andare via.

Secondo il maresciallo dei Carabinieri che ha deposto al processo in corso davanti alla Corte di assise di Agrigento l’assassino del marmista Giuseppe Miceli (in foto) avrebbe lasciato “tracce di scarpe ben asciutte, come se qualcuno avesse sostato più tempo, proprio in prossimità del cadavere e nascoste da una maglietta”. Fatto quest’ultimo che indurrebbe a intuire come il tutto fosse avvenuto dopo l’omicidio.

Il marmista fu massacrato con almeno dieci colpi contundenti.

Imputato è l’operaio Gaetano Sciortino, il 55enne arrestato dopo la svolta investigativa che si ebbe con il ritrovamento di alcune punte da trapano ed una scarpa nelle disponibilità dell’imputato ma riconducibili alla vittima.

Durante la sua deposizione, rispondendo alle domande dei legali difensori di Sciortino e a quelle del pm, il maresciallo che ha condotto i rilievi ha affermato: “il cadavere presentava alcune tracce pilifere sulla mano sinistra e sul collo. L’accertamento sulla natura di queste tracce, per confrontare se appartenessero alla vittima o, come pare, ad una seconda persona e, quindi, all’assassino, sono state fatte dal Ris e non conosco l’esito. Sul pavimento del laboratorio, inoltre, vi sono delle tracce di scarpe”.

In aula anche il consulente della Procura che ha ricostruito i tabulati delle telefonate in entrata e in uscita dal cellulare della vittima. Si torna in aula il prossimo 17 maggio.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.