MAR, 05 LUGLIO 2022

“Ricattano il giornalista Lelio Castaldo”: due imprenditori a giudizio

La vicenda risale al 2016, adesso per due imprenditori di Porto Empedocle scatta il rinvio a giudizio (scorri per leggere il resto)
“Ricattano il giornalista Lelio Castaldo”: due imprenditori a giudizio

Violenza privata, calunnia e diffamazione: con queste accuse il gup Luisa Turco dispone il rinvio a giudizio per due imprenditori empedoclini, i fratelli Salvatore e Maurizio Bulone.

I due, in particolare, devono rispondere di una vicenda che risale alla primavera del 2016, quando il giornalista direttore di Sicilia24h.it, Lelio Castaldo, critica in alcuni editoriali alcune scelte politiche del sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina, eletta pochi mesi prima.

Salvatore Bulone, attivista del Movimento Cinque Stelle che appoggia il neo primo cittadino, secondo l’accusa è responsabile di minacce gravi nei confronti del giornalista: dalla cancellazione dall’ordine dei giornalisti, a richiami a più generici “guai” promessi da Bulone a Castaldo grazie ad una parentela del primo con un carabiniere.

Un fatto questo, raccontato in un altro editoriale del 2016 da Lelio Castaldo, il quale quindi procede poi con la denuncia non solo nei confronti di Salvatore Bulone ma anche contro il fratello Maurizio: quest’ultimo infatti, sempre in quei giorni, scrive un post su Facebook di ingiurie contro il direttore di Sicilia24h.it, definendolo anche “figlio di satana”.

Adesso si andrà dunque a processo, dove Castaldo sarà parte civile e risulta difeso dall’avvocato Giuseppe Aiello.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.