MAR, 26 MAGGIO 2020

Europee 2019: bassa l’affluenza nell’agrigentino

Affluenza molto bassa anche nello stesso capoluogo (scorri per leggere il resto)
Europee 2019: bassa l’affluenza nell’agrigentino

Bassa la percentuale al voto nei comuni agrigentini per le elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. Alle ore 12 nei 43 comuni della provincia si è recato alle urne solo il 7,31 per cento degli aventi diritto.

Un dato in discesa rispetto alla precedente tornata elettorale, circostanza questa confermatasi anche per le ore 23:00. I dati definitivi infatti parlano di un’affluenza complessiva nell’agrigentino del 36.42% de voti, a fronte del 42.28% di cinque anni fa.

Nel capoluogo, a votare è andato il 37.79% degli aventi diritti a fronte del 42.31% del 2014. Il comune della nostra provincia dove si è registrata l’affluenza più alta, è quello di Sambuca di Sicilia: qui alle urne si è recato il 56% degli elettori. In generale, è nell’entroterra che si vota di più: Casteltermini riesce a superare pur se di poco la soglia del 50% di affluenza, Cammarata e San Giovanni Gemini arrivano al 46%.

Nei grandi centri dell’agrigentino urne quasi deserte: a Licata vanno a votare soltanto complessivamente il 28% degli aventi diritto, a Canicattì il 31%, si salva leggermente Sciacca con il 41%. Il comune con la più bassa percentuale di votanti, è quello di Lampedusa con il 26% complessivo.

Il dato della nostra provincia è in linea con quello regionale, visto che sull’isola a votare è andato il 37.64% dei votanti. A livello nazionale, l’affluenza definitiva dovrebbe essere intorno al 55%, a fronte di un 58% dei cinque anni fa.

 

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.