VEN, 22 NOVEMBRE 2019

Caso Sea Watch: indagata la capitana Carola Rackete

Non si procederà però al sequestro della nave (scorri per leggere il resto)
Caso Sea Watch: indagata la capitana Carola Rackete

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e rifiuto di obbedienza militare: sono questi i reati per i quali la procura di Agrigento indaga la capitana della Sea Watch 3 Carola Rackete.

Lo si apprende da una nota dell’agenzia AdnKronos. Pur tuttavia la nave, che per il momento si trova a circa tre miglia dall’imbocco del porto di Lampedusa, non verrà sequestrata. Ecco quindi l’attuale posizione della procura agrigentina su un caso che, giorno dopo giorno, diventa sempre più centrale nel dibattito politico nazionale.

Sempre come riportato dall’AdnKronos, l’iscrizione nel registro degli indagati è da considerarsi come atto dovuto e dunque non si procederà né a sequestrare la nave e né ad effettuare arresti.

 

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.