DOM, 08 DICEMBRE 2019

“Kerkent”: i giudici decidono di non applicare la misura di prevenzione verso un empedoclino

Non sarebbe socialmente pericoloso “tale da giustificare l’applicazione di una misura di prevenzione”. I giudici della prima sezione misure di prevenzione hanno così rigettato la richiesta di Questura e pm nei confronti di un 43enne di Porto Empedocle. (scorri per leggere il resto)
“Kerkent”: i giudici decidono di non applicare  la misura di prevenzione verso un empedoclino

Non sarebbe socialmente pericoloso “tale da giustificare l’applicazione di una misura di prevenzione”. I giudici della prima sezione misure di prevenzione hanno così rigettato la richiesta di Questura e pm nei confronti di un 43enne di Porto Empedocle.

L’uomo fu coinvolto nell’operazione denominata “Kerkent” che ha disarticolato il presunto clan mafioso di Agrigento che vedrebbe al centro il boss Antonio Massimino.

Secondo l’accusa il 43enne empedoclino, difeso dagli avvocati Rosario Fiore e Salvatore Pennica, avrebbe fatto parte dell’organizzazione dedita al traffico di stupefacenti.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.