DOM, 08 DICEMBRE 2019

Sabato torna l’appuntamento con i treni storici alla Valle dei Templi

La corsa del treno turistico partirà da Agrigento Centrale alle ore 16:00 (scorri per leggere il resto)
Sabato torna l’appuntamento con i treni storici alla Valle dei Templi

Nuovo appuntamento con i treni storici della Valle dei Templi. Sabato prossimo, 24 agosto, alle ore 16 dalla stazione di Agrigento Centrale partirà la littorina diretta a Tempio di Vulcano, percorrendo l’antica Ferrovia dei Templi, riaperta all’esercizio turistico dalla Fondazione FS nel 2014.

Il treno fermerà anche a Agrigento Bassa.

Giunti alla fermata Tempio di Vulcano i passeggeri potranno partecipare ad una visita guidata all’interno del Giardino della Kolymbethra. Chi lo vorrà potrà anche visitare il meraviglioso ipogeo che collega il Giardino con l’accesso di Porta V.

Al termine della visita, alle 18.15 circa, alla fermata Tempio di Vulcano i passeggeri potranno gustare un aperitivo nel suggestivo aperitivo nel cuore del parco archeologico.

Il treno di ritorno per Agrigento partirà alle 19, consentendo ai visitatori di godere di un impareggiabile tramonto sulla Valle dei Templi.

Il costo del biglietto è di 8 euro e comprende il viaggio in treno in storico (andata e ritorno) e l’aperitivo a Tempio di Vulcano. A bordo treno sarà possibile acquistare il ticket per la visita guidata al Giardino della Kolymbethra al costo ridotto di soli 3 euro per gli adulti e 1,50 per i bambini.

I biglietti possono essere acquistati sul sito internet www.trenitalia.com, presso tutte le biglietterie Trenitalia, comprese le self service: sarà necessario selezionare Agrigento Centrale (o Agrigento Bassa) come stazione di partenza e Tempio Vulcano come stazione d’arrivo.

Il prossimo appuntamento è previsto per sabato 31 agosto con la medesima formula.

Per info sui treni storici è disponibile il numero di telefono 3138719696.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.