LUN, 14 OTTOBRE 2019

Arsenale trovato in casa, giudizio immediato per Antonio Massimino

Il presunto boss andrà a giudizio immediato (scorri per leggere il resto)
Arsenale trovato in casa, giudizio immediato per Antonio Massimino

Aperto il dibattimento nella giornata di ieri nell’ambito del processo a carico del presunto boss Antonio Massimino e del nipote Gerlando.

La vicenda riguarda il ritrovamento da parte dei militari dell’Arma dei Carabinieri di un vero e proprio arsenale.

Come si ricorderà, Antonio Massimino, conosciuto negli ambienti giudiziari poiché condannato per associazione mafiosa nelle inchiesta “San Calogero” e “Akragas”, è finito nei guai con il nipote dopo che i militari dell’Arma dei Carabinieri lo trovarono in possesso di un’arma da fuoco, una pericolosa semiautomatica calibro 7,65, con la matricola totalmente abrasa, caricatore completo di sei cartucce inserito e pronta all’uso.

Vicino al “ferro”, i militari hanno anche trovato circa 200 cartucce di vario calibro, e infine due penne pistola calibro 6,35, uguali a quelle viste nei film degli 007. Infine, ben nascosto, è stato anche sequestrato un rilevatore di frequenze. Insomma, un vero e proprio armamentario pronto a fare fuoco in ogni momento e ad eludere i controlli delle Forze dell’Ordine.

Antonio Massimino e il nipote Gerlando, furono arrestati lo scorso 6 febbraio. I due sono finiti a “Giudizio immediato” dopo che il gip di Agrigento ha disposto di saltare l’udienza preliminare così come richiesto dal pm Gloria Andreoli.

Ieri è stato però disposto subito un rinvio poiché Massimino è imputato in altro processo davanti al gup del Tribunale di Bari. Prossima udienza il 28 ottobre.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.