MER, 13 NOVEMBRE 2019

Lavori rotonda Giunone, l’ordine degli architetti diffida il sindaco per l’incarico gratuito

La nota di Alfonso Cimino: "Lavorare gratis viola la legge" (scorri per leggere il resto)
Lavori rotonda Giunone, l’ordine degli architetti diffida il sindaco per l’incarico gratuito

L’Ordine degli architetti, presieduto da Alfonso Cimino, riscontra l’illegittimità della prestazione e diffida il sindaco a “provvedere immediatamente con cautelativi adempimenti a rettifica di quanto enunciato, nel rispetto delle norme e dei liberi professionisti”.

“Abbiamo appreso da notizie giornalistiche della progettazione, a titolo gratuito, da parte di un libero professionista architetto per il restyling della rotatoria Giunone – spiega Alfonso Cimino – Una notizia sconcertante che mortifica il lavoro degli architetti e afferma il principio errato di far lavorare gratis i liberi professionisti, i quali hanno studiato per esser liberi professionisti. In questi anni non abbiamo fatto altro che ribadire con il Codice dei contratti, i Bandi tipo, la Certezza dei pagamenti, la dignità del lavoro professionale che non può essere mortificata ed esaltata con affidamenti che riteniamo, a prescindere dalla loro legittimità, essere in controtendenza in un momento di grande crisi economica e professionale. Siamo certi che si tratti solo di una pagina nera, di un atteggiamento, quello di fare lavorare gratis gli architetti, che deve essere sicuramente annullato”.

La prestazione gratuita è resa in violazione della Legge che regola i contratti con la Pubblica amministrazione (articolo 24 comma 8 ed 8 ter del Codice dei contratti) non modificato dalla norma Sblocca cantieri che produce, tra l’altro, una concorrenza sleale e afferma il principio errato dell’indebito arricchimento di una Amministrazione che sfrutta un professionista a titolo gratuito.

 

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.