GIO, 14 NOVEMBRE 2019

Rapinati in pieno centro da tre coetanei

Protagonisti alcuni ragazzi che si trovavano venerdì sera al viale della Vittoria (scorri per leggere il resto)
Rapinati in pieno centro da tre coetanei

Sembrava una tranquilla serata come tante nel mondo della movida agrigentina, sul centralissimo viale della vittoria, quando un gruppo di giovanissimi, tutti minorenni, mentre trascorreva, serenamente la serata è stato avvicinato da tre loro coetanei.

I fatti si verificano, in torno alle ore 23.00, nei pressi di Villa Bonfiglio. Chiara l’intenzione dei tre, coltello in mano, spintoni e minacce. Pochi brutti attimi di paura e i poveri ragazzini, sbalorditi, si ritrovano senza i loro cellulari e senza un euro. Le grida dei giovani hanno attirato l’attenzione di alcuni passanti che subito hanno chiesto l’intervento dei Carabinieri. Prontamente, una pattuglia dell’Arma raggiunge il viale e, i militari, dopo essersi assicurati che i giovani stavano bene, paura a parte, si sono fatti raccontare quanto accaduto, acquisendo così una dettagliata descrizione dei rapinatori. Gli accertamenti svolti in tempo reale, grazie alle indicazioni delle vittime hanno consentito di diramare subito le ricerche dei tre soggetti alle pattuglie presenti sul territorio.

Serrate e stringenti indagini hanno consentito ai Carabinieri di chiudere in poco tempo il cerchio localizzando i tre giovani rapinatori all’interno di una comunità di accoglienza per minori, dove erano ospitati. Si tratta di tre quindicenni di nazionalità tunisina che all’arrivo dei militari dell’Arma sono stati trovati ancora in possesso del coltello a serramanico utilizzato per minacciare i loro coetanei e del bottino rapinato pochi minuti prima agli stessi. I cellulari e il denaro sono stati restituiti ai legittimi proprietari. Il coltello è stato sequestrato e i tre tunisini denunciati a piede libero alla Procura per i minorenni di Palermo.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.