MAR, 12 NOVEMBRE 2019

Inchiesta Passepartout, ecco come due fratelli si mettevano a disposizione

Secondo la Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, i due fratelli avrebbero prestato la loro disponibilità attraverso l’intestazione di diverse utenze telefoniche e noleggiando delle vetture (scorri per leggere il resto)
Inchiesta Passepartout, ecco come due fratelli si mettevano a disposizione

Si sarebbero messi a disposizione per ogni tipo di esigenza e necessità. Si tratta dei due fratelli Paolo e Luigi Ciaccio, fermati nell’ambito dell’inchiesta antimafia denominata “Passepartout” che ha portato all’arresto di cinque soggetti ritenuti appartenenti o comunque contigui alla famiglia mafiosa di Sciacca.

Secondo la Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, i due fratelli avrebbero prestato la loro disponibilità attraverso l’intestazione di diverse utenze telefoniche e noleggiando delle vetture, nonchè per aver collaborato all’organizzazione di incontri riservati.

Secondo gli inquirenti il tutto a favore dei due elementi di spicco identificati nel corso delle indagini, Accursio Dimino, già condannato per associazione mafiosa – da ultimo nel 2010 – per il suo ruolo espresso in Cosa Nostra, per la quale, nel tempo, è stato “reclutatore di nuovi adepti”, assoluto interprete nell’acquisizione di attività economiche ed appalti di opere pubbliche nel settore edile e turistico-alberghiero, nonché di Antonello Nicosia, destinatario del provvedimento di fermo in quanto ritenuto organico alla famiglia mafiosa saccense e già noto in quanto, tra le altre cose, condannato in via definitiva alla pena di anni 10 e mesi 6 di reclusione per partecipazione ad associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, scarcerato da ormai oltre 10 anni.

Per i fratelli Ciaccio vi sarebbero gravi indizi di colpevolezza per i presunti reati di favoreggiamento personale, aggravato perché realizzato per agevolare Cosa Nostra.

“Le conversazioni intercettate, inoltre, hanno rivelato – sempre secondo i magistrati – in modo inequivocabile la consapevolezza, nei due fratelli indagati, dello spessore mafioso sia del Dimino, sia dello spessore criminale del Nicosia (il quale, nel rapportarsi a loro, paventava in più occasioni il rischio di essere oggetto di attenzioni da parte delle forze dell’ordine e pretendeva quindi il loro appoggio e la loro collaborazione con il manifesto intento di eludere le investigazioni)”.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.