MAR, 12 NOVEMBRE 2019

Blitz Ponos, ecco come lavorava l’organizzazione scoperta dai Carabinieri

L’indagine avrebbe fatto emergere il ruolo primario delle due donne che avrebbero operato come una vera e propria agenzia del lavoro (scorri per leggere il resto)
Blitz Ponos, ecco come lavorava l’organizzazione scoperta dai Carabinieri

Una vera e propria organizzazione dedita al reclutamento di personale da destinare al lavoro sui campi. Questa l’accusa per le due donne, madre e figlia, ritenute essere al centro dell’operazione effettuata dai militari dell’Arma dei Carabinieri per il contrasto al fenomeno del caporalato nelle campagne agrigentine.

L’indagine, denominata “Ponos”, è partita nel maggio 2019 da una intuizione della Sezione Operativa della Compagnia di Agrigento e del locale Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, è stata coordinata dal Signor Procuratore della Repubblica di Agrigento, Dr. Luigi Patronaggio e dal Sostituto Procuratore della Repubblica, D.ssa Gloria Andreoli. Le investigazioni, svolte con numerosissimi servizi di pedinamento e con un complesso sistema di intercettazione e di riprese video, hanno svelato l’esistenza di una complessa organizzazione che sfruttava senza scrupoli manodopera extracomunitaria per lavori agricoli di vario tipo su tutto il territorio agrigentino e anche oltre. Un fenomeno di caporalato, insomma, articolato e con una solida struttura verticistica, che vedeva, come capi promotori ed organizzatori, due donne di origine slovacca, madre e figlia. In qualità di complici nella gestione delle attività, sono stati anche arrestati due romeni e quattro italiani.

Secondo gli investigatori, l’indagine avrebbe fatto emergere il ruolo primario delle due donne che avrebbero operato come una vera e propria agenzia del lavoro, reclutando personale secondo caratteristiche precise. Personale che sarebbe arrivato prevalentemente dall’Ucraina e dalla Moldavia. Otto, in tutto, gli arrestati indiziati di delitto disposti dalla Procura della Repubblica di Agrigento a conclusione dell’indagine sul fenomeno del caporalato nelle campagne fra Agrigento e Licata.

Secondo l’accusa, le due promotrici e gli altri intermediari contrattavano le prestazioni con i proprietari dei fondi e delle aziende agricole e, una volta raggiunto l’accordo, gli operai venivano trasportati, in condizioni di estremo disagio, su una vera e propria flotta di minivan e furgoni condotti dagli stessi caporali.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.