GIO, 29 OTTOBRE 2020

Caso Carola Rackete, la procura ha chiesto più tempo per le indagini

I magistrati vogliono un supplemento di tempo per l'inchiesta (scorri per leggere il resto)
Caso Carola Rackete, la procura ha chiesto più tempo per le indagini

“La complessità della vicenda e i comprensibili ritardi della polizia giudiziaria rendono necessaria la proroga delle indagini”. Sono queste le motivazioni che hanno spinto il pubblico ministero della procura di Agrigento, Gloria Andreoli, a chiedere al gip di potere indagare per altri sei mesi su Carola Rackete.

Lo si è appreso da una nota dell’agenzia Agi, secondo cui i magistrati vorrebbero più tempo per l’inchiesta legata all’arresto della comandante di Sea Watch e ad alcuni episodi precedenti, mentre al contempo potrebbero a breve chiedere l’archiviazione per il fascicolo relativo al presunto favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Carola Rackete è indagata per tre ipotesi di resistenza a pubblico ufficiale, commesse fra il 12 e il 29 giugno, giorno dell’arresto; danneggiamento e tre ipotesi di resistenza o violenza a nave da guerra. L’episodio è quello del 29 giugno scorso, quando la capitana della Sea Watch 3 ha speronato una motovedetta della Guardia di Finanza a Lampedusa, per entrare all’interno del porto.  A decidere sulla richiesta della procura, sarà il gip Alessandra Vella.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.