MER, 01 APRILE 2020

Turismo e commercio in ginocchio per la paura del coronavirus

Disdette diverse prenotazioni, previsto un calo della presenza turistica ad Agrigento e nel resto della Sicilia (scorri per leggere il resto)
Turismo e commercio in ginocchio per la paura del coronavirus

Si inizia a fare già la prima conta dei danni sul coronavirus, che per adesso ha colpito solo di striscio la Sicilia, con i tre casi di Palermo riguardanti turisti bergamaschi in visita nel capoluogo regionale, ma che sta ugualmente causando disagi economici nel nostro territorio.

A partire dall’annullamento del Mandorlo 2020, decisione presa sabato scorso in un vertice tenuto in Prefettura dopo i primi casi di contagio registrati in Italia. Una prudenza che, se da un lato ha avuto come obiettivo quello di tutelare la salute vista la continua crescita del numero di contagiati nel nord Italia, dall’altro ha però voluto significare la disdetta di molte prenotazioni negli hotel e nei B&B, oltre che ad una minore presenza turistica ad Agrigento ed in provincia.

Le disdette però non riguardano solo il Mandorlo, bensì anche altre prenotazioni già effettuate per altri periodi della stagione. Gli italiani, è il segnale emerso in questi giorni, non si fidano e non si mettono più in viaggio e non solo nelle aree già colpite dal virus. Al tempo stesso, anche gli stranieri per ora stanno evitando di soggiornare in Italia, sia nelle regioni del nord che in quelle del sud. E dunque anche ad Agrigento si farà i conti nelle prossime settimane con ulteriori problemi nel comparto turistico.

Confcommercio martedì ha chiesto un tavolo tecnico urgente per affrontare la questione, altre associazioni del settore hanno sottolineato i gravi danni derivanti dalla paura del coronavirus. Sotto il profilo politico, la deputata all’Ars Giusy Savarino ha annunciato a breve un decreto ad hoc del governo nazionale, circostanza questa confermata dal ministro dell’economia Gualtieri al presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. Ma i danni potrebbero non riguardare il settore turistico, bensì abbracciare più in generale quello commerciale ad Agrigento così come nel resto dell’isola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.