VEN, 14 AGOSTO 2020

Siculiana, 70 migranti dislocati all’ex Villa Sikania: l’ira del sindaco Lauricella

La nota del primo cittadini di Siculiana dopo le novità emerse in questo sabato mattina (scorri per leggere il resto)
Siculiana, 70 migranti dislocati all’ex Villa Sikania: l’ira del sindaco Lauricella

Stamattina  la città di Siculiana si è svegliata con una spiacevole notizia. Il centro di accoglienza,ex Villa Sikania chiuso dallo scorso autunno, è stato riaperto su decisione della Prefettura di Agrigento  per ospitarvi 70 migranti che dovranno permanervi in quarantena. In merito alla decisione della Prefettura è intervenuto il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella, con una lettera aperta dove rappresenta tutte le preoccupazioni del caso.

“Non ci è stata data una preventiva comunicazione-dice il primo cittadino- ma una chiamata dell’ultimo minuto in cui mi si annunciava il tutto ad operazione conclusa. Dalla Prefettura hanno ritenuto opportuno  avvisarmi nel momento in cui le operazioni di trasferimento nella nostra città sono state concluse. Nessuna comunicazione preventiva, nemmeno dal gestore della struttura e nemmeno da altre Autorità. Ritengo questo gesto poco corretto nei confronti dell’intera comunità di Siculiana. Perché avvisarmi solo dopo? Perché nascondere questa decisione? Non ci si comporta così in un Paese democratico.

Tutti i cittadini in questo mese hanno assunto un comportamento responsabile stando a casa e rispettando tutte le disposizioni previste dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri per garantire la salvaguardia della propria salute ma anche quella dei propri concittadini. Non è giusto e nemmeno corretto che in questa fase così delicata Siculiana diventi il punto di approdo di migranti che possono rappresentare causa di possibili contagi di coronavirus. Già ieri abbiamo avuto il primo caso di un migrante proveniente dall’Egitto che, dopo essere sbarcato a Lampedusa e trasferito poi a Porto Empedocle, è risultato positivo al Covid-19 nel centro di accoglienza di Pozzallo.  Portandoci i migranti a Siculiana vogliono metterci a rischio? Non siamo l’ultima ruota del carro in questa emergenza sanitaria!

Dal Viminale e dal Governo nazionale ci saremmo aspettati risposte più celeri, per le nostre famiglie e le nostre imprese per continuare ad essere anche in questo momento un Comune a “5 Stelle”, non può essere l’orientamento politico di una amministrazione comunale la discriminate per determinare dove i migranti vanno tolti dalle strutture con regolare convenzione e dove invece devono essere trasferiti, con convenzioni tra l’altro da verificare.

Come si fa ad evitare gli assembramenti dentro la struttura?  Quali protocolli sono stati adottati per la gestione dei flussi all’esterno da parte degli operatori della struttura, a tutela anche delle forze di polizia? La situazione è gravissima! Per essere più chiaro mi rifaccio ad una frase lanciata qualche giorno fa dal governatore siciliano Nello Musumeci: Noi non siamo carne da macello! Siculiana non accetta questo comportamento discriminatorio da parte della Prefettura! Io non ci sto! E non ci stanno nemmeno tutti i siculianesi che dopo tanti sacrifici  adesso si ritrovano di fronte a questo problema!. Molti hanno perso il lavoro, in numerosi versano in situazioni di gravi difficoltà economiche ma tutti, con assoluta dignità, stanno andando avanti e stanno aspettando tempi migliori  sapendo che la salute viene al primo posto. Come può adesso la Prefettura mettere in ginocchio Siculiana? È  un atteggiamento che noi non accettiamo! È un atteggiamento discriminatorio!

Siamo anche pronti a procedere con le vie legali se è necessario, ma il centro di accoglienza deve rimanere chiuso per come era stato stabilito in autunno.  Siculiana non possiede le strutture adeguate a fronteggiare casi di coronavirus  e il centro d’accoglienza di Villa Sikania non le possiede nemmeno. Per cui è ora che la Prefettura assuma un atteggiamento responsabile nei confronti dei siculianesi  che potrebbero andare incontro ad un grave ed imminente rischio per la propria salute ed incolumità.

Qualche giorno fa- prosegue il primo cittadino- altri Sindaci della Provincia si erano lamentati rispetto a medesime decisioni adottate dalla Prefettura sui territori di loro competenza, ottenendo risultati concreti e lo sgombero delle strutture. Relativamente al rischio concreto di problematiche scaturite dalla gestione dei flussi migratori, in questi giorni, Amministratori pubblici hanno adottato provvedimenti per chiudere porti e Isole a tutela della Salute Pubblica. Oggi la nostra comunità non merita di subire decisioni che potrebbero risultare pericolose. Tra l’altro risulta, da informazioni che ci giungono informalmente e che approfondiremo nelle prossime ore, che la Prefettura al momento ha convenzioni in essere attive con altre strutture alberghiere ricadenti nel territorio provinciale che allo stato risultano vuote. Siculiana merita tranquillità oggi più che mai”.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

One thought on “Siculiana, 70 migranti dislocati all’ex Villa Sikania: l’ira del sindaco Lauricella”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.