DOM, 12 LUGLIO 2020

“Italiani sempre sui social, ma alcuni commenti possono fare male”

Il video editoriale di Francesco Pira (scorri per leggere il resto)
“Italiani sempre sui social, ma alcuni commenti possono fare male”

Facebook e Youtube i più amati. Cresce Tik Tok. La storia di un’infermiera con Covid 19 che scrive ai complottisti e riceve insulti e offese.
Nella sua riflessione settimanale il giornalista Francesco Pira, torna a parlare di uso e abuso dei social network.

Nella recente ricerca “Italiani e Social Media 2020” Blogmeter restituisce una fotografia degli italiani online per il quarto anno consecutivo.
L’indagine, in collaborazione con NORSTAT, ACS Marketing Solutions, Wavemaker e GroupM, è stata condotta su un campione di 1073 italiani iscritti ad almeno un social network. Facebook è la piattaforma preferita dagli italiani, seguono YouTube e Instagram che continua a crescere. Twitter continua a perdere posizioni, mentre TikTok è la prima new entry, utilizzata dal 16% del campione preso in esame. La piattaforma cinese è cresciuta del 3% rispetto al 2019 ed è molto utilizzata dal target dei giovanissimi (15 – 24 anni). I social fanno parte della nostra vita ma possono essere usati davvero male.

Dopo 79 giorni di “calvario” Giulia Oriani, infermiera 30enne milanese, posta su Facebook una lunga lettera aperta per raccontare le sue settimane con il coronavirus che, pur se in forma leggera, le ha lasciato conseguenze fisiche. Vuole confutare le tesi dei “maledetti complottisti, che sostenete che il virus non esista”, Il post diventa subito virale, e le arrivano insulti e offese. L’infermiera scrive: “Liberi di non credermi, vivo lo stesso, ma certi commenti, possono avere effetti devastanti”. Buona visione.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.