MAR, 27 OTTOBRE 2020

I dettagli dell’operazione “Malebranche”

I dettagli dell'operazione resa nota giovedì (scorri per leggere il resto)
I dettagli dell’operazione “Malebranche”

Si chiama “Malebranche”, dal nome dei diavoli che nella Divina Commedia controllano i dannati della quinta bolgia, l’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Agrigento e coordinata dalla locale Procura della Repubblica che ha eseguito nella notte 13 misure cautelari, disposte dal Gip di Agrigento Luisa Turco.

In tutto 22 i soggetti indagati a vario titolo per ipotesi di reato per associazione a delinquere e bancarotta fraudolenta. Effettuate anche perquisizioni e sequestri, che hanno visto impegnati oltre 100 finanzieri.

Le società coinvolte nelle indagini sono 12 e fanno capo al gruppo Pelonero e alla nota famiglia di commercianti Sferrazza, esercenti negozi al minuto e all’ingrosso per la vendita di generi casalinghi, giocattoli, calzature ed altro.

Principale indagato è l’ex presidente dell’Akragas Gioacchino Sferrazza e, quasi, l’intera famiglia finita agli arresti domiciliari.

Arresti domiciliari anche per la commercialista Graziella Falzone ritenuta essere l’addetta a trovare le soluzioni tecniche per svuotare le aziende e fare sparire milioni di euro. Le accuse contestate sono di associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, riciclaggio e auto riciclaggio. Le condotte fraudolente, secondo l’accusa, si sarebbero sviluppate tra il 2013 e il 2016 e avrebbero prodotto un danno erariale di oltre 5.000.000 di euro mentre l’attivo sottratto ai creditori ammonterebbe ad oltre 4.500.000 di euro.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.