MAR, 20 OTTOBRE 2020

Aragona, preoccupazione per i recenti casi di coronavirus

Si chiede la chiusura delle scuole (scorri per leggere il resto)
Aragona, preoccupazione per i recenti casi di coronavirus

Aragona, è uno dei paesi dell’agrigentino dove si sono registrati un numero preoccupante di contagi da Covid-19.

Nelle ultime ore il numero dei contagiati, è cresciuto in maniera esponenziale e ad oggi si sono registrati 16 casi.

Per un paese che conta circa 9000 abitanti, il numero è allarmante. Ma nonostante la seria situazione sanitaria, le scuole a differenza di altri comuni siciliani non sono state ancora chiuse.

I genitori sono angosciati e seriamente preoccupati, anche perché si aspetta l’esito di altri tamponi e il numero potrebbe ancora aumentare.

“Negli ultimi giorni – spiegano alcuni genitori, a dire il vero la minoranza – la situazione epidemiologica nella nostra comunità, ci desta forte preoccupazione. Solo negli ultimi giorni, si sono registrati ben 16 casi. E se all’inizio il focolaio era circoscritto in ambito familiare, adesso si sta allargando a macchia d’olio coinvolgendo anche i dipendenti di un’azienda.

Nessuno vuole mettere in atto una caccia alle streghe e siamo vicini alle persone contagiate e alle loro famiglie – raccontano – ma dobbiamo essere razionali e capire che la chiusura delle scuole deve avvenire in maniera repentina.

Il nostro unico obiettivo è tutelare la nostra salute e soprattutto quella dei nostri figli. Sappiamo benissimo cosa dicono le linee guida, e ci sembra assurdo che per chiudere la scuola si debba verificare un contagio. Non possiamo permettere che si giochi con la salute dei nostri cari”.

“Ci appelliamo al Presidente della Regione Nello Musumeci, al Prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa e ai vertici dell’Asp di Agrigento, affinché valutino repentinamente e celermente la situazione sanitaria emergenziale che si è profilata nella nostra comunità, in modo da mettere in atto tutte quelle misure che possano evitare l’aumento dei contagi, prima che sia troppo tardi.

Chiediamo che la salute dei nostri figli venga prima di qualsiasi tipo di ordinanza e di qualsiasi tipo di logica burocratica e che la scuola venga chiusa almeno fino alla metà di ottobre, in modo che nel frattempo si conoscano gli sviluppi epidemiologici”.

“Alcuni comuni italiani, in piena emergenza Covid-19 – dicono i genitori – per non agire in maniera tempestiva, hanno pagato a caro prezzo e sulla propria pelle gli effetti di questo terribile virus.

Non permetteremo che ad Aragona avvenga tutto ciò ed esortiamo il nostro sindaco Giuseppe Pendolino a non fermarsi solamente davanti a questioni burocratiche. Pretendiamo, che si metta in prima linea, affinché esorti il governo regionale e tutte le istituzioni di competenza a chiudere immediatamente gli istituti scolastici.

Non vogliamo solo mere giustificazioni ed inceppamenti burocratici”.

“E’ inoltre necessario – concludono – chiudere a scopo precauzionale le scuole, perché vivendo in una piccola comunità, anche la mappatura dei contatti risulta complessa poiché coinvolge tanti soggetti e di conseguenza tutti siamo a rischio.

Siamo intenzionati a non mandare i nostri figli a scuola perché abbiamo il dovere morale di tutelare la loro salute. Qualora chiudessero ufficialmente le scuole, si attiverebbe la didattica a distanza garantendo il diritto allo studio dei nostri figli.

Non ci fermeremo e qualora dovesse succedere qualcosa, faremo le nostre rimostranze nelle sedi opportune”.

Intanto il sindaco Giuseppe Pendolino, sulla problematica, non si sta risparmiando e segue l’evolversi della situazione pronto ad adottare le dovute decisioni, anche in considerazione della parte minoritaria dei genitori firmatari del documento.

Queste le parole del Sindaco Pendolino: “Condivido a pieno le parole e le preoccupazioni dei genitori che sono anche le mie .
Da ieri sono in contatto con la Presidenza della Regione, la Prefettura e l’ASP con le quali ho condiviso le mie preoccupazioni a seguito dell’impennata dei casi positivi sul nostro territorio.
Ho manifestato la mia intenzione di chiudere le scuole almeno per una settimana per avere un quadro più chiaro della situazione.
La risposta all’unisono è sempre la stessa – se tra la popolazione scolastica non si registrano casi positivi il Sindaco non può fare uso di Ordinanze Contigibili ed Urgenti che portino alla chiusura degli Istituti Scolastici -.
Ad oggi vi dico che come Amministrazione stiamo monitorando costantemente la situazione e Vi assicuro che qualora dovessi ravvisare ulteriori campanelli di allarme andrò fino in fondo assumendomene la responsabilità Istituzionale e personale”.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.