VEN, 17 SETTEMBRE 2021

Nuova impennata di contagi ad Aragona

Si teme nuovo focolaio all'interno del territorio comunale (scorri per leggere il resto)
Nuova impennata di contagi ad Aragona

“I numeri del contagio sul nostro territorio non sono confortanti. Mi hanno notificato ufficialmente i 21 nuovi casi positivi al Covid-19 appartenenti alla Comunità che ospita i minori non accompagnati”.
Lo afferma il Sindaco di Aragona, Peppe Pendolino che aggiunge: “Inoltre registriamo altri 3 nuovi positivi, 4 nuovi guariti e siamo in attesa di conoscere l’esito di diversi tamponi di fine quarantena. Relativamente ai nuovi 21 casi, tutti i soggetti si trovano all’interno della stessa struttura e sono in isolamento da diversi giorni. La situazione è molto complessa, saliamo a quota 65. Monitoriamo costantemente la situazione di concerto con l’ASP e le autorità competenti. Mi preme ricordarVi che l’evolversi del contagio dipende dai comportamenti di OGNUNO DI NOI. Mi rivolgo a tutti, dai più anziani ai più giovani, in quanto in paese negli ultimi giorni si osserva poca responsabilità.  E’ inutile dire che ci vogliono più controlli, in quanto i controlli ci sono e si effettuano ogni giorno. Tuttavia appare assurdo che debba essere un Vigile Urbano o un Carabiniere a ricordare di non assembrarsi, di mettere la mascherina o di uscire solo per necessità. Dobbiamo essere noi stessi a ricordarcelo!

“Da diversi giorni sia Polizia Municipale che Carabinieri, mi segnalano le seguenti situazioni:
1. Via Roma, si passeggia e si staziona nelle piazzette;
2. Campo Sportivo, rilevati continui assembramenti;
3. Mercatino coperto, stesso copione del campo sportivo;
4. Piazzale antistante le Maccalube, stesso copione del campo sportivo”.

“Per non parlare delle zone di campagna, dove mi segnalano un intenso traffico pomeridiano/serale, insolito considerata la stagione invernale. Per cortesia, smettiamola! È inutile invocare la zona rossa, in quanto limiterebbe la già poca libertà che allo stato attuale abbiamo.  Inoltre l’istituzione della zona rossa significherebbe lockdown totale, chiusura di tutto. Non possiamo permettercelo!  Non dobbiamo sperare di bloccare la già martoriata economia locale! È necessario buon senso, responsabilità e prudenza! L’istituzione della zona rossa è l’estrema ratio, cerchiamo di non arrivare a tanto! Confido in ognuno di voi!”, conclude il Sindaco.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.