MAR, 02 MARZO 2021

Ultimi giorni per il contest fotografico organizzato dall’associazione Quasillus

Il contest scade il prossimo 6 gennaio (scorri per leggere il resto)
Ultimi giorni per il contest fotografico organizzato dall’associazione Quasillus

Restano gli ultimi due giorni per partecipare al contest fotografico promosso dall’associazione culturale “Quasillus” e patrocinata dal Comune di Agrigento nell’ambito delle iniziative “Accendiamo insieme il Natale 2020” e resa possibile grazie al contributo di privati e aziende della città dei Templi.

Due le attività che in queste settimane hanno visto protagonisti i cittadini che hanno già voluto partecipare gratuitamente con le proprie fotografie – a tema natalizio – rendendo più lieto e gioioso il momento di festività in un particolare momento storico.
“Il mio presepe” e “Le mie luci di Natale” il nome delle due iniziative organizzate e promosse dall’associazione “Quasillus”.

I partecipanti possono inviare sino ad un massimo di 3 foto che riguardano il presepe o le luci natalizie realizzate presso la propria abitazione o il proprio locale (garage, cantina, giardino, etc).

Le foto potranno essere inviate tramite l’apposito modulo presente sul sito www.quasillus.it accedendo nell’area dedicata ai concorsi, oppure, alternativamente, a mezzo mail all’indirizzo eventi@quasillus.it allegando le foto e il modulo di partecipazione compilato in ogni sua parte.

Le foto ricevute verranno progressivamente, in ordine di ricezione, pubblicate sulle pagine Facebook e Instagram dell’Associazione “Quasillus” con indicazione del nome e cognome dell’autore.
Il contest scade alle ore 23:59 del prossimo 6 gennaio.
La premiazione avverrà giorno 16 gennaio dopo che la giuria valuterà aspetti quali l’impatto visivo, la composizione, l’originalità, la tecnica e la creatività.
Il regolamento completo è disponibile sul sito www.quasillus.it

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.